ANNO 9 n° 315
Andrea Landolfi in carcere? Domani mattina la decisione
I giudici della Suprema Corte si riservano, soddisfatta la difesa: ''Ora restiamo in attesa''
24/09/2019 - 13:29

RONCIGLIONE – (b.b.) Bisognerà far passare la notte per scoprire se Andrea Landolfi dovrà andare in carcere o resterà indagato a piede libero per la morte della sua fidanzata, la 26enne Maria Sestina Arcuri. I giudici della Suprema Corte di Cassazione si sono infatti riservati sulla decisione, che verrò resa nota solo domani mattina.

L’udienza nel Palazzo di Giustizia di piazza Cavour si è svolta questa mattina. Soddisfatta la difesa: ''Abbiamo rimarcato le motivazioni che sono alla base del nostro ricorso – ha commentato l’avvocato Luca Cococcia - ora restiamo in attesa''.

Secondo il legale del 30enne, accusato di omicidio volontario e omissione di soccorso, alcune delle prove cardine dell’accusa non sarebbero ammissibili: si tratterebbe delle dichiarazioni del figlio di Andrea Landolfi, ascoltato secondo il legale senza le opportune garanzie di legge e per questo inammissibili.

Per l’accusa, nella notte del 3 febbraio scorso, Landolfi, dopo un’accesa lite in casa, avrebbe sollevato di peso la fidanzata, lanciandola oltre il parapetto delle scale. ''Una caduta dall’alto in accelerazione'', come piega il medico legale nella sua relazione che non avrebbe lasciato scampo alla 26enne. Morta alcune ore dopo, nonostante un disperato intervento chirurgico alla testa.

Dopo il no alla carcerazione del gip di Viterbo e il sì del Riesame, l’ultima e irremovibile decisione sul 30enne Landolfi spetterà alla Corte di Cassazione: domani il verdetto.






Facebook Twitter Rss