ANNO 9 n° 323
Caffeina: ''Non daremo buca: pronti per il Christmas Village e a saldare i debiti''
Parla Carlo Rovelli, presidente della Fondazione: ''Faremo un piano di rientro''
31/08/2019 - 06:58

di Monica Di Lecce

VITERBO – ''Il Caffeina Christmas Village si farà'', parola di Carlo Rovelli. Il neo presidente della Fondazione Caffeina tira dritto. Bando alle questioni legali, è già proiettato all’edizione 2019 del Natale. Un’edizione che si appresta a organizzare e gestire da sola nonostante le edizioni precedenti siano state gestite da altre società: Spazio Eventi per i natali 2016 e 2017, Fantawolrd nel 2018.

''Caffeina è sempre andata da sola – dice Rovelli – La titolarità del Caffeina Christmas Village è sempre stata della Fondazione che ha dato in subappalto i lavori a Spazio Eventi o a Fantawolrd, ma la titolarità del contratto e dell’evento è sempre stato di Caffeina. Il Comune di Viterbo deciderà se fare il bando oppure no e noi siamo pronti e decideremo se farlo qui o altrove. Farlo a Viterbo per noi è un piacere perché siamo viterbesi e penso che la gente fino ad oggi l’ha gradito, visti i risultati. Se il Comune non volesse più il Caffeina Christmas Village a Viterbo, personalmente per me non sarebbe un problema avendo richieste da tutt’Italia''.

In occasione del suo insediamento Rovelli si è dato alcune priorità: buona amministrazione, efficace gestione e sostegno finanziari. Rispetto a questi obiettivi come si inquadra la pregressa situazione debitoria della Fondazione?

''Nessuno ha mai negato di avere delle situazioni debitorie – dice il presidente della Fondazione – Confermo quello che ho comunicato a suo tempo: la nostra volontà è di sanare tutti i debiti. C’è la possibilità, con un piano di rientro, di sanare tutto. Ci vorrà un po’ di tempo. Siamo disponibili a incontrare i creditori, cosa che faremo al più presto. C’è la volontà – rimarca Carlo Rovelli – perché ci sono la potenzialità e le capacità per farlo''.

E poi rivela: ''Dal punto di vista artistico, per esempio, quest’anno ci potrebbe essere un presepe nuovo. A ottobre, invece, faremo il Choco Festival a Caprarola''.

Si parla di volontà di risanare la situazione debitoria, ma a quale dei due eventi fa riferimento: il festival estivo o il Caffeina Christmas Village?

''I debiti di Caffeina sono riconducibili a un elenco – dice Carlo Rovelli – non ci sono debiti dell’uno o dell’altro. Caffeina è partecipe al 50 per cento di Spazio Eventi ed è partecipe al 50 per cento, nelle persone dei soci fondatori, di Fantawolrd. Quindi c’è una compartecipazione nelle due società. Pagare i debiti significa quindi fare l’elenco dei debiti di Caffeina e questo coinvolgerà alcune situazioni anche di Spazio Eventi e di Fantawolrd. Se ci sono debiti, non è intenzione nostra lasciarli appesi. La volontà è quella non dare buca a nessuno''.

Le intenzioni di Rovelli sono delle più nobili. I creditori, dalle promesse, attendo i fatti mentre le malelingue già scommettono che dopo Santa Rosa saranno in molti a mettersi in fila.

Facebook Twitter Rss