ANNO 10 n° 52
Il Ds Luci: ''Cerchiamo giocatori che sposino il nostro progetto''
04/06/2014 - 02:00

VITERBO - (d.s.) Confermato anche lui. Non è passato inosservato il lavoro sottotraccia del direttore sportivo Alessandro Luci. Pazienza e lungimiranza sono state le sue caratteristiche che la dirigenza della Viterbese ha apprezzato. Doti che gli sono valse un altro anno in gialloblu e il quarto della sua carriera in serie D. Annate condivise con Attilio Gregori e per la prima volta la coppia Luci - Gregori avrà la possibilità di programmare una stagione dall'inizio, e non di entrare a campionato in corso così come accaduti due volte a Frascati e lo scorso anno a Viterbo. Oggi ci sarà la prima riunione operativa per discutere di organizzazione del ritiro e fare il punto sulla campagna acquisti. Ci sarà anche il presidente Vincenzo Camilli e si stabiliranno obiettivi e budget della prossima stagione.

E' facile capire come negli intendimenti della società ci sia l'assalto alla Lega Pro. Il prossimo campionato di D si presenta come uno tra i più difficili degli ultimi anni, in cui il livello tecnico sarà elevato: per effetto dell'unificazione della serie c oltre duecento giocatori si troveranno senza squadra e potrebbero scendere tra i dilettanti. Luci affronta subito il problema: ''Chiunque verrà a Viterbo dovrà sentirsi orgoglioso e privilegiato della scelta - attacca il direttore -. Si tratta di una città e di una società ambiziose. Cerchiamo ragazzi che sposino il progetto e che non siano attaccati al denaro. Siamo una delle poche società che ha la possibilità di spendere, ma non butteremo i soldi dalla finestra. Questo deve essere un concetto chiaro per tutti''.

Poi passa alla costruzione della squadra: ''Ci muoveremo sentendo le necessità del mister. Sicuramente partiremo con le due punte e probabilmente con la difesa a quattro. Riconferme? Prima di tutto voglio ringraziare tutti i ragazzi che ci hanno permesso di vincere il campionato. Credo che saranno cinque al massimo sei i riconfermati , ma ribadisco il concetto dell'attaccamento al progetto che per la società è fondamentale''. Capitolo under: ''Ormai sono una ventina di giorni che ci sentiamo con il presidente. Conosco bene la serie D e ci sono ragazzi molto interessanti. In questa categoria la costruzione della squadra parte proprio dagli under: la bravura di una società sta in queste scelte. Di giocatori over ce ne sono tanti e non faremo fatica a trovare chi fa al nostro caso''.





Facebook Twitter Rss