ANNO 10 n° 21
Contro l'Astrea una nuova Viterbese
Dopo una settimana di lavoro intenso, Ianni proverà per la prima volta il 4-3-3
15/03/2015 - 00:29

VITERBO - Secondo capitolo della storia in gialloblu di Maurizio Ianni, che oggi pomeriggio si troverà a far visita all'Astrea con la speranza di ripartire da dove ci eravamo lasciati la scorsa domenica. Cioè dai tre punti, quelli arrivati finalmente contro il Sora al termine di una girandola di emozioni valse il 3-1 finale.

Il mister ha avuto una settimana di tempo per lavorare sul passaggio di modulo, intenzione dichiarata da quando arrivato a Viterbo. ''Il 4-3-3 è una disposizione che ci garantisce più compattezza - spiega Ianni - che per me è la caratteristica fondamentale di una squadra. L'obiettivo è quello di arrivare a fine stagione nella miglior condizione possibile''.

Ianni ha subito introdotto i suoi metodi di lavoro nel gruppo, aumentando i carichi per abituare la rosa a un tipo di sforzo fisico differente nei 90 minuti. ''Dobbiamo allenarci come fossimo tra i professionisti - continua il mister - contro di noi gli avversari daranno sempre il 150%. Noi lo sappiamo, ma non deve essere un'attenuante''.

La trasferta romana sarà ancora una volta segnata dalle assenze. Oggiano ha recuperato, ma non sarà della partita dal primo minuto. Dalmazzi sconterà la seconda giornata di squalifica e non ci sarà nemmeno il suo sostituto Gimmelli, espulso sette giorni fa. Saraniti è stato a sua volta fermato dal giudice sportivo. Accanto a Scardala ecco allora l'esordio dall'inizio del giovane Varricchio, in mezzo al campo per la prima volta Giannone e Nuvoli saranno affiancati da un terzo inquilino, che salvo sorprese sarà Assenzio.

Neglia dovrebbe essere confermato dopo la buona prestazione contro il Sora, accanto a lui probabile maglia da titolare per Pero Nullo con il solito Morini pronto a entrare per spaccare in due la gara nell'ultima mezzora. Davanti scelta obbligata con Pippi centravanti, anche se Ianni in settimana ha provato anche soluzioni tattiche senza prima punta di ruolo. Conferma in porta per Zonfrilli, che in due settimane si è concesso una papera ma anche la bellezza di due rigori parati. Con lui, di sicuro, non c'è il rischio di annoiarsi.





Facebook Twitter Rss