ANNO 7 n° 116
Arrestato uno degli aggressori di Paolo
Si tratta di un maggiorenne di Viterbo, altri due ragazzi indagati a piede libero
15/03/2017 - 11:41

VIGNANELLO – Arrestato uno degli aggressori di Paolo, il ragazzo 24enne di Vallerano massacrato di botte per un post su Facebook.

Si tratta di un maggiorenne di Viterbo, accusato di minacce e lesioni aggravate, e per questo motivo ora ai domiciliari. Altri due ragazzi invece, entrambi maggiorenni, sarebbero indagati a piede libero dai carabinieri di Civita Castellana. Oggi l'interrogatorio per uno degli aggressori in Procura.

L’aggressione a Paolo, costatagli la rottura del naso e una prognosi di 30 giorni, è avvenuta nella notte tra l’11 e il 12 febbraio presso il centro commerciale di Vignanello. Stando alle indagini, il 24enne sarebbe stato preso di mira da un gruppo di ragazzi di estrema destra a causa di un post canzonatorio su CasaPound pubblicato da Paolo sul suo profilo Facebook. In particolare l’ira di due ragazzi si sarebbe scagliata contro il giovane preso a calci e pugni fino a ridurlo in condizione di dover essere portato dai suoi amici al pronto soccorso di Belcolle.

Questo episodio di violenza politica, per il quale i carabinieri continuano ad indagare, ha sconvolto le comunità dei paesi cimini, Vallerano, Vignanello e Canepina, che lo scorso 4 marzo hanno sfilato per le strade in segno di solidarietà e protesta. Durante la stessa giornata anche i rappresentanti di CasaPuond Cimini si sono riuniti, per un corteo statico e parallelo a quello delle amministrazioni, per far sentire la propria voce e rivendicare la bomba esplosa nella loro sede una settimana dopo il pestaggio.






Facebook Twitter Rss