ANNO 9 n° 342
Foto precedente
Stefano Del Canuto
Foto successiva
La Caninese vuole fermare il Rieti
Del Canuto e Scorsini per continuare a stupire

VITERBO – (d.s.) E se un favore alla Viterbese lo facesse una squadra della Tuscia? E’ uno dei temi dell’undicesima giornata di campionato in Eccellenza. Al Piermattei di Canino arriva il Rieti e per la formazione sabina non sarà una passeggiata. Gli uomini di Riccardo Sperduti stanno ritrovando smalto e iniziano a scalare posizioni in graduatoria. Lo testimoniano le recenti prestazioni positive.

Pertanto la Viterbese ascolterà la radio domenica mattina, sperando in buone nuove da Canino. Ma la giornata di domenica vede impegnate anche il Montefiascone (alle Fontanelle contro il Grifone), il Monterosi (sulla terra battuta di Ladispoli) e la Sorianese (sul piccolo e insidioso sintetico di Fonte Nuova). Monterosi e Montefiascone sono le squadre più in forma del momento. Rispettivamente 19 e 17 punti in classifica, un ritmo da play off che nessuno si sarebbe immaginati alla vigilia, merito del lavoro e del sacrificio, segno che con poche risorse a disposizione si possono ottenere alla stessa maniera risultati lusinghieri. Vale la pena scendere nel particolare e analizzare lo stato di forma delle compagini della Tuscia.

CANINESE – Il match del Piermattei è la gara di cartello della domenica calcistica. Nell’Alta Tuscia arriva la capolista in settimana strigliata dal patron Fedeli. La frase più forte è stata: ''Io sono venuto per vincere. Prima di cacciare tutti, me ne vado io''. Un’affermazione forte che innalza ulteriormente l’importanza della partita. Il Rieti ha necessità di vincere e viene da un punto in due gare. Sotto la gestione Sperduti, la Caninese sembra andare meglio lontano dalle mura amiche: nelle ultime gare casalinghe solo briciole contro Empolitana e Sorianese, mentre i blitz sono stati a Monterotondo e Cerveteri e se si aggiunge il pareggio di Monterosi si parla di sette punti in tre gare. Ma la gara di domani avrà ripercussioni soprattutto sulla classifica. In fondo nessuno può permettersi passi falsi con evidenti ricadute in termini di rendimento

MONTEFIASCONE – Tre vittorie consecutive, l’ultima a suon di gol contro il Fregene. Il derby vittorioso contro la Viterbese ha definitivamente sbloccato la banda di Del Canuto che da allora non si è più fermata. E alle Fontanelle arriva il Grifone Monteverde che all’inizio era data come possibile favorita e invece stazione nelle pancia della graduatoria. Si vocifera anche di un possibile addio di Iannotti e Morelli. I romani restano comunque una formazione da prendere con le molle e il Montefiascone dovrà giocare con il solito coraggio e la proverbiale organizzazione per domare anche gli uomini del presidente Ulisse.

MONTEROSI – Trasferta insidiosa per l’altra banda di Tuscia che sta stupendo a suon di prestazioni. Tuttavia il Marescotti ha fatto più di qualche vittima (la Viterbese ne sa qualcosa) e la gara va presa con la giusta attenzione. I tirrenici vogliono riprendere il cammino interrotto qualche settimana fa per riproporsi in zona play off. Poi c’è l’incognita del campo stretto e in terra battuta. Scorsini, da abile osservatore quale è, avrà già adottato i correttivi alle necessità.

SORIANESE – Scarfini ha debuttato con un successo a Canino prima di ritornare sulla terra dopo il pareggio contro il Futbolclub. Ora una trasferta a Fonte Nuova per tentare di rimettere sulla carreggiata giusta la Sorianese. Sulla carta il match dovrebbe essere a senso unico, evidente è la differenza tecnica in campo. Ma in questo campionato le sorprese sono dietro l’angolo e la Sorianese ha abituato i suoi tifosi a prestazioni altalenanti.



Facebook Twitter Rss