ANNO 8 n° 346
Viterbese, una partita per il morale
Sottili: ''Il pubblico ha applaudito i ragazzi. Vuol dire che il miglioramento c'è''
18/11/2018 - 07:25

VITERBO - Viterbese, finalmente, con il primo punto conquistato. Spezzata la striscia di risultati negativi inanellata dal primo match. Inizia a vedersi la mano di Stefano Sottili su una squadra che non conquista la vittoria ma mette in campo un'ottima prestazione. Dal silenzio alle parole. Nel post partita, infatti, hanno parlato tre dei protagonisti di giornata.

Il primo a parlare è il tecnico toscano: ''Abbiamo lavorato una settimana insieme ed è stata a dir poco positiva. Poi dobbiamo migliorare nelle scelte ed essere più scaltri in alcune situazioni che dobbiamo riconoscere in fretta durante i novanta minuti. Sono contento perché ho visto tanti miglioramenti''.

I leoni hanno avuto tante occasioni senza, però, trovare il goal: ''E’ una squadra di qualità – continua il mister – che può fare meglio di quanto visto stasera’’. Ma il miglioramento è sotto gli occhi di tutti: ''Tre quarti di quelli che ho utilizzato stasera li avevo anche la scorsa stagione, quindi li conoscevo. Abbiamo concesso davvero poco ad un avversario anche superiore al Matera. Abbiamo le qualità per poter far meglio di ciò che abbiamo fatto oggi. Come organico questa Viterbese è più forte dell'anno scorso: ho più ricambi. I titolari si equivalgono''. E la reazione finale ne è la prova: ''Oggi, dopo un pareggio, i tifosi hanno applaudito i ragazzi: hanno riconosciuto il lavoro fatto dai giocatori''.

La conclusione è sulla Casertana: ''Ha qualità e personalità, ma in questo momento ha difficoltà nell'entusiasmo e nel volersi prendere le responsabilità e mettere spavalderia perchè per le qualità che ha è in possesso di qualità maggiori di quelle che ha fatto vedere oggi''.

Anche capitan Simone Sini è soddisfatto. E dopo venti minuti ha sfiorato il goal: ''Abbiamo fatto una bella partita ed era importante dare una risposta ai risultati negativi per ripartire ancora più forte. Possiamo giocarcela con squadre come la Casertana che non hanno nulla più di noi. Si è vista la voglia di riprenderci''.

Il difensore ammette l’importanza del ritorno dell’allenatore: ''Noi sappiamo di dover recuperare tante partite, ma ora è tornato il mister che ci conosce e si è visto già qualcosa in più. Si vedeva che conoscevamo già le sue idee come lui conosce le nostre. E’ inutile guardare ora la classifica: noi possiamo fare bene e dobbiamo evitare altri passi falsi’’.

Per concludere la conferenza, le parole di Andrea Saraniti: ''Agli attaccanti manca il goal quando non segnano, ma ora bisogna pensare al bene della squadra. Mi rammarico perchè potevo fare di più ma oggi abbiamo lavorato bene di reparto. Questo è un girone con tanta cattiveria agonistica. Bisogna tirare fuori l'ascia e stare sempre sul pezzo''.

‘’Siamo sulla via della guarigione: miglioriamo giorno dopo giorno. Già a Matera avevamo avuto più occasioni, ma oggi ci abbiamo messo anche la cattiveria contro una Casertana costruita per la B. Ma anche noi abbiamo un organico che merita le prime posizioni. Oggi è stata una prova di carattere’’, chiude l'attaccante.





Facebook Twitter Rss