ANNO 8 n° 343
Unindustria, 1100 studenti per la 9a edizione del Pmi day
Saggini: ''Opportunità per i ragazzi di entrare in azienda e capire i processi produttivi''
16/11/2018 - 16:59

VITERBO - Si è tenuta oggi presso le aziende del Lazio associate ad Unindustria, nell’ambito della Settimana della Cultura d’Impresa, la nona giornata nazionale delle Piccole e Medie Imprese – PMI Day Industriamoci, l’importante appuntamento promosso dalla Piccola Industria per raccontare ai giovani il mondo delle imprese e far conoscere il loro impegno a favore della crescita e dello sviluppo del territorio. L’evento è stato coordinato da Carla Picozza Vice Presidente Comitato Piccola Industria con delega al Pmi Day.

E’ proseguita, anche per questa edizione, la collaborazione con le Istituzioni: i ragazzi del liceo Avogadro hanno visitato i laboratori dell'Istituto Nazionale di Astrofisica presso la sede dell'IAPS di Roma, l’ente di ricerca italiano dedicato allo studio dell’Universo, sia con strumenti da Terra che dallo spazio e che ha avuto un ruolo fondamentale nella strabiliante scoperta dell'acqua nel sottosuolo di Marte. Ad accompagnare i ragazzi in rappresentanza di Unindustria Stefano Buonamici Presidente Vicario della Piccola Industria di Roma.

Nel Lazio, le aziende associate ad Unindustria che hanno aderito all’iniziativa hanno aperto le porte dei loro stabilimenti produttivi ad oltre 1100 studenti delle scuole superiori ed istituti tecnici. Queste le aziende e le scuole coinvolte nella giornata: a Frosinone: Pisani Francesco & Figli, Intit, Margraf, Gran Tour, Soluzioni Plastiche Vittoria S.C.P.A., Soleko, Lazio Innova – Palmer, Plastipak, Viscolube e l’IIS Alessandro Volta, Itis Pontecorvo, IIS Guglielmo Marconi e ITCG e Liceo Artistico “Giovanni Colacicchi”, Liceo Scientifico di Ceccano. A Latina: M.G.A., Tecnoprima, Optimares, Self Garden, Pozzi Ginori, Icaplants, Mappi International, Stim, Huyck.Wangner Italia, Randstad Italia, Francia Latticini, con il Liceo “Massimiliano Ramadù” Cisterna, Isiss Teodosio Rossi di Priverno, Iis Carlo e Nello Rosselli, Arnaldo Beato di Castelforte Galiei Sani di Latina e S. Benedetto di Borgo Piave. A Rieti: Lombardini, Birra Alta Quota, Sano, Zanchi.net - Caffè Italia, Phoenix Electronic System, F.lli Petrucci e l’Istituto tecnico Rosatelli, IIS Aldo Moro, Liceo Classico Varrone, Scuola Gregorio da Catino e Ite Luigi di Savoia. A Viterbo: Ceramica Flaminia, S.I.M.A.S., Ceramica Tecla con l’IISS Francesco Orioli.

''L’incontro di oggi, con oltre 1100 studenti, ha sottolineato la grande importanza del legame tra scuola e impresa – ha commentato Gerardo Iamunno Presidente Comitato Piccola Industria di Unindustria, a margine della visita all’azienda Viscolube di Frosinone – La loro presenza nelle nostre aziende, ci conferma la necessità di trasmettere ai giovani la passione, il valore, la determinazione che si impiega nella creazione di un prodotto, quel valore aggiunto che contraddistingue identità imprenditoriale di un’azienda''.

''Con questa iniziativa – ha dichiarato Stefania Palamides, presidente Unindustria Viterbo – abbiamo accolto i ragazzi all’interno delle nostre aziende, mostrando loro i luoghi del lavoro e della produzione e dimostrando che il valore dell’impresa non è solo economico, ma anche sociale. Sono tante le iniziative che si svolgono in questi giorni nel Lazio, a dimostrazione del forte legame che c’è tra le aziende, le scuole e i territori: è grazie ad occasioni come il Pmi day che tale legame, fondamentale per la crescita della nostra società e del nostro Paese, si rinforza ancora di più''.

Per Sergio Saggini Presidente Comitato territoriale Piccola Industria Territoriale di Viterbo ''l’appuntamento con il Pmi Day coinvolge ogni anno moltissimi studenti, ai quali dà l’opportunità di entrare in azienda e capire come funzionano i processi produttivi. Offre ai ragazzi anche una visione differente da quella del lavoro dipendente e fa loro conoscere che c’è anche la strada del mettersi in proprio e rischiare da soli. Nel corso degli anni si è creato un legame davvero proficuo con il mondo della scuola, a dimostrazione della funzione sociale che ha l’impresa, che ha contatti frequenti e proficui con il territorio in cui opera''.

''In occasione del Pmi Day – ha affermato Augusto Ciarrocchi, Presidente Sezione Ceramica Unindustria (Ceramica Flaminia) - abbiamo raccontato agli studenti, agli insegnanti e alle comunità locali la storia delle nostre imprese, la loro identità e come stanno cambiando. In ogni parte del mondo, le aziende sono il cuore pulsante dei territori, e il Pmi Day nasce proprio per trasmettere questa passione ai giovani, i veri protagonisti delle imprese del futuro''. 

''Gli studenti hanno avuto modo di vedere i processi produttivi delle aziende – ha detto Alessandro Scopetti (Ceramica Simas) – e toccare con mano quello che viene creato. Adesso hanno anche maggiore consapevolezza dell’importanza che il Distretto riveste per l’economia del territorio''.







Facebook Twitter Rss