ANNO 9 n° 349
Un mese all'inizio
degli Special Olympics
La macchina organizzativa è in fermento, coinvolte tutte le istituzioni
22/05/2013 - 15:46

VITERBO - Manca un mese dall’inizio dei Giochi Nazionali ed è in piena attività la macchina organizzativa dello Special Olympics predisposta per arrivare al meglio al giorno dell’inaugurazione dei giochi: Il patronato del Presidente della Repubblica ed i patrocini delle più alte cariche dello Stato, uniti alla perfetta sinergia creatasi tra l’organizzazione Nazionale, il Comitato Organizzatore Locale (con Capofila la ASD “Sorrisi che Nuotano Eta Beta” di Viterbo Onlus), le istituzioni locali (con in primo piano la Prefettura, l’amministrazione provinciale ed i comuni di Viterbo e Capodimonte) e le realtà del mondo sociale, finanziario ed imprenditoriale viterbese, sta cominciando a produrre gli Primo obiettivo è stata la partecipazione di Special Olympics alla “Città a Colori”, organizzata lo scorso 12 maggio da “Viterbo con amore”, “Special Partner” dei Giochi insieme al Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa.

In questa fase preparatoria, sta risultando fondamentale l’attività del prefetto di Viterbo, Antonella Scolamiero per l’indispensabile azione di coordinamento, del sindaco Giulio Marini che, pur se fortemente impegnato nella campagna elettorale, non sta facendo mancare il suo sostegno all’iniziativa, e del sindaco di Capodimonte, Mario Fanelli, nel cui specchio d’acqua si svolgeranno le A livello provinciale poi, lo stretto coordinamento del presidente Meroi sul territorio ha consentito di coinvolgere molti comuni della Tuscia nel “Torch Run”, la manifestazione collaterale che vedrà la fiaccola olimpica,  nei giorni precedenti l’evento, solcare le strade della provincia, e nella Festa dell’ospite di domenica 23 giugno a Piazza San Lorenzo. Arlena di Castro, Bagnoregio, Bassano in Teverina, Blera, Bomarzo, Canino, Capodimonte, Capranica, Caprarola, Cellere, Ciivita Castellana, Orte, Soriano al Cimino,  Tuscania, Vetralla, oltre che ovviamente Viterbo sono i Comuni che al momento hanno aderito, anche se si confida in ulteriori adesioni da qui all’inizio della kermesse.

Molto più variegata, invece, la geografia dei volontari che hanno dato la loro disponibilità: gli oltre trecento ragazzi e ragazzi della scuole superiori di Viterbo che hanno aderito al progetto provengono infatti da 43 Comuni della Provincia su un totale di 60 Comuni, con Viterbo che ovviamente farà la parte del leone, con oltre il 50% dei Volontari. Sicuramente saranno gli stessi ragazzi con il loro entusiasmo a coinvolgere gli amministratori comunali che ancora non sono stati colpiti da Special Olympics perché, come più volte affermato dal presidente del comitato organizzatore, Stefania Cardenia, Special Olympics “non ti scivola addosso ma ti rimane attaccato”.

“Immergiti in un mondo!” Questo lo slogan coniato per i Giochi che probabilmente meglio di cento parole descrive il clima “inclusivo”  della manifestazione. E allora l’invito è al territorio della Tuscia, di “immergersi” nel mondo Special Olympics e di lasciarsi coinvolgere dalle emozioni, dall’affetto e dalla simpatia che questi ragazzi speciali sanno trasmettere e restituirla a loro volta con uno tsunami d’amore che solo la magia di queste persone sa creare.

Facebook Twitter Rss