ANNO 8 n° 229
Tuscania: Grande successo per il Faust di Sergio Urbani
A parlarcene è direttamente l’assessore alla Cultura Stefania Nicolosi
23/04/2018 - 12:29

TUSCANIA - Ieri sera nella splendida Kermesse del Teatro “Il Rivellino-Veriano Luchetti” di Tuscania, ho avuto modo di assistere ad uno spettacolo teatrale, “Faust”, portato in scena dalla compagnia “I Bardi del Caos” diretti, in maniera sapiente direi, dal regista Sergio Urbani che in collaborazione con l’associazione Actas ha organizzato questa seconda edizione del “Festival FormAzione”.

Tema dell’opera, la controversa e tragica storia del Dottor Faust scritta da Chistopher Marlowe.

Ero li in veste ufficiale come Presidente del Consiglio del Comune di Tuscania, nonché delegata alla Cultura e Turismo, ma a pochi minuti dall’inizio dell’opera ho capito che probabilmente ciò a cui stavo per assistere mi avrebbe regalato una serata particolare e molto piacevole.

Aldilà del lato scenografico, ben diviso e curato nei dettagli, da subito la mia attenzione è stata catturata dalla sapiente scelta delle musiche e della gestione delle luci nell’elaborazione dei passaggi scenici.

Mi sono ritrovata poi a soffermarmi sull’ascolto della narrazione attraverso le parole e le movenze di ogni singolo attore che sul palcoscenico hanno saputo raccontare il dramma di questo giovane studioso che bramoso di conoscenza affida la sua anima a Lucifero.

Ma credo che a colpirmi sia stata la capacità di Sergio Urbani di far sì che attraverso i gesti, le parole le musiche ognuno di noi potesse entrare mentalmente nel proprio “Faust”. Perche d’altronde in ognuno di noi persiste la volontà di superiorità e la ricerca di bene o di un male, di un Dio o di Satana.

Nel corso dello spettacolo è stato difficile pensare che il tempo scorresse, si restava ancorati all’elaborazione del cambiamento repentino dei sentimenti che in maniera caotica e spesso rabbiosa colpivano il protagonista, ed era proprio in quel preciso istante che ci si immedesimava completamente in quel percorso contradditorio e ricco di ripensamenti su quello che e bene e male della nostra strana esistenza volta alla ricerca della nostra superiorità.

Ci si è quindi ritrovati al termine della serata con la piacevole sensazione di aver partecipato ad un momento teatrale che ha scosso le nostre coscienze e ci ha dato spunto di riflessione, uno spettacolo quindi messo in scena con la volontà di restare nelle menti e nell’anima degli spettatori e non solo nei loro occhi.

Lunga standing ovation di applausi per tutti gli attori e per Sergio Urbani, per ringraziarli di averci regalato una serata ricca di emozioni, spesso contradditorie, come è d'altronde spesso l’ esistenza di ognuno di noi.

Stefania Nicolosi

 

A seguire, domani, uscirà la recensione sul Faust di Sergio Urbani realizzata dalla redazione di ViterboNews24.






Facebook Twitter Rss