ANNO 9 n° 342
Ambiente, rifiuti da Roma
rinviati a lunedì prossimo
Lo ha comunicato oggi l'Ama
25/01/2013 - 11:48

VITERBO – I rifiuti da Roma non arriveranno a Viterbo. Per ora. Almeno fino a lunedì, come ha annunciato l’Ama. Motivo? Problemi tecnici.

I rifiuti, si parla di 80 tonnellate circa al giorno, sarebbero dovuti arrivare a Viterbo questa mattina all’alba e sempre per stamani era stato organizzato a Viterbo il sit in di protesta. L’appuntamento con il Comitato “No rifiuti da Roma” era alle 9 al bivio di Ferento, sulla strada Teverina, per poi raggiungere l’impianto di trattamento di Casale Bussi, ma sono stati in pochi a partecipare.

Una cinquantina di persone, quasi tutti politici. Oltre agli organizzatori, Giovanni Adami e Lucio Matteucci, hanno partecipato qualche rappresentante della Destra e un cospicuo gruppo di Casapound. Ma di semplici cittadini se ne sono visti davvero pochi.

Intanto, però, la Provincia di Viterbo ha chiesto chiarimenti in merito alla faccenda smaltimento rifiuti e, infatti, ieri, da Palazzo Gentili, è stata inviata una lettera a Ecologia Viterbo, la società che gestisce l’impianto di Casale Bussi, per ottenere risposte sulla gestione dell’immondizia in arrivo.

“Si chiede di sapere dalla Società Ecologia Viterbo– si legge nella lettera che è stata inviata per conoscenza anche al ministro Clini, al commissario delegato per il superamento dell’emergenza ambientale della provincia di Roma Goffredo Sottile e alla Regione Lazio – come intenda gestire l’ulteriore flusso di rifiuti senza che possano essere smaltiti nella discarica in località Le Fornaci al fine di preservare la capacità residua di smaltimento nel terzo lotto attualmente in cosruzione per i rifiuti solidi urbani prodotti nei comuni delle province di Viterbo e Rieti”.

E nella lettera si chiede anche di avere con cadenza quindicinale il flusso di massa giornaliero dei rifiuti provenienti dalla provincia di Roma e conferiti all’impianto di Casale Bussi e le precauzioni che verranno prese.







Facebook Twitter Rss