ANNO 8 n° 321
PMI: come essere competitivi nell'era di Internet
22/06/2018 - 16:32

Nell’Era di Internetle PMI italiane per essere più competitive, per superare la stagnazione dei consumi e la saturazione del mercato, devono adottare sempre più strumenti digitali, un ottimo esempio è il fax online, che abbattono gli oneri economici ed aiutano a migliorare i processi di produzione. Ecco la guida utile alla scoperta del Voucher Digitalizzazione e dei vantaggi alle PMI che implementano tool digitali.

PMI italiane: come competere nell’attuale Era della Digital Transformation?

Alla luce della Trasformazione Digitale e della telematizzazione dei servizi digitali, le PMI italiane sono sempre di più chiamate a fare fronte alla competizione e alle sfide che la globalizzazione e la digitalizzazione pone in essere. Se fino a poco tempo fa si pensava che le imprese di Piccola e di Media dimensione fossero destinate a scomparire, oggi non possiamo negare che sono sempre più vive e vegete. Le PMI costituiscono il tessuto imprenditoriale del nostro sistema economico nazionale edevono essere in grado di cogliere le opportunità provenienti dalla digitalizzazione per competere nell’arena internazionale. Secondo una recente ricerca svolta su un campione di 550 PMI italiane è emerso che, per i prossimi 3 anni, si punterà ai big data, a potenziare la vendita online (E-Commerce) e a ricercare sul mercato del lavoro figure professionali specializzate in ICT: Digital Marketing Specialist, Data Analyst, Mobile Developer e consulenti per l’attuazione della “digitaltransformation”.

Vantaggi della digitalizzazione per le PMI italiane

Grazie all’implementazione delle tecnologie digitali, le PMI italiane potranno beneficiare di rilevanti vantaggi in termini di riduzione di costi aziendali, incremento dell’efficienza, dell’efficacia, dell’economicità e miglioramento della qualità dei servizi alla clientela. L’automazione e i servizi in cloud porteranno a grandi aumenti in termini di produttività aziendale. Si pensi, ad esempio, al lavoro svolto da una segretaria: grazie al fax digitale ed all’utilizzo di tutti gli strumenti digitali sarà possibile velocizzare le fasi operative, ridurre i “colli di bottiglia”, gli sprechi e migliorare la relazione con i clienti interni (dipendenti, altri Dipartimenti), oltre che l’organizzazione interna. Come sottolineato da Alessandro Rimassa, Direttore di TAG Innovation School:“[…] è chiaro che per affrontare al meglio il mercato attuale è necessario ripensare i modelli di business e l’organizzazione della produzione e sviluppare strategie basate sul digitale”.

Voucher Digitalizzazione PMI: il ruolo del MISE

Complice del recupero della competitività del tessuto imprenditoriale delle PMI italiane è la normativa ed il sostegno del MISE che, con decreto sottoscritto dal Ministro Calenda, ha integrato la dotazione finanziaria dei voucher per la digitalizzazione delle imprese. Ladotazione finanziaria dei voucher è stata integrata portando le risorse finanziarie totali investite a 342,5 milioni di euro. Il voucher può essere utilizzato dalle imprese per acquistare software, hardware o servizi specialistici che consentono di migliorare l’efficienza aziendale, fruire della connettività a banda larga edultralarga o del collegamento alla rete internet, sviluppare l’e-commerce, modernizzare l’organizzazione del lavoro con strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro. Si ricorda che il voucher digitale per le PMI prevede la concessione di un bonus per un valore pari al 50% di una serie di oneri economici sostenuti per progetti di digitalizzazione fino a un massimo di 10 mila euro.







Facebook Twitter Rss