ANNO 7 n° 291
Legge di Bilancio Lazio: meno pressione fiscale e più servizi alle persone
21/12/2016 - 12:39

Meno tasse e più servizi: è questo l'incipit con la cui la Regione Lazio ha messo a punto il documento di bilancio per il 2017.

'Quello presentato è un bilancio che incide positivamente sulla qualità della vita dei nostri concittadini grazie all'alleggerimento della pressione fiscale e all'aumento dei servizi per le persone' sottolinea l'assessore Regionale del Lazio, Mauro Buschini.

'Lotta alle diseguaglianze, investimenti su servizi e infrastrutture, crescita: sono i tre cardini del bilancio regionale, approvato dalla giunta, illustrato dal presidente Zingaretti' sottolinea Buschini.

'Il risanamento dei conti - spiega - ci permette di raggiungere un obiettivo impensabile al nostro insediamento, quando la nostra regione era tecnicamente in default: giù le tasse grazie alla riduzione dell'Irpef, un provvedimento che segue, peraltro, la recente abolizione del ticket sanitario regionale'.

Con la legge di bilancio la Regione conferma le misure di riduzione fiscale, considerate un punto fermo dall'amministrazione regionale già durante gli scorsi anni.

Entrando nel merito le misure prevedono:

– l'esclusione dalla maggiorazione dell'addizionale regionale per i contribuenti con reddito fino a 35 mila euro;

– l'aliquota all'1,73% per i nuclei familiari con reddito fino a 50mila euro e 3 o più figli a carico;

– l'aliquota all'1,73 per i nuclei familiari con reddito fino a 50mila euro con uno o più portatori di handicap.

La misura considera 522mila contribuenti che vanno ad aggiungersi a quelli già esentati per il biennio 2014-15 che corrispondevano ad un totale di circa 2,3 milioni di persone.

La diminuzione dell’aliquota va a beneficio dei redditi medi e bassi con un taglio dello 0,5% per i redditi da 15mila a 28mila euro.

Parliamo di un taglio dello 0,4% per i redditi tra i 28mila e i 55mila euro e dello 0,3% per i redditi compresi tra i 55mila e i 75mila euro.

In fatto di ribassi anche i cittadini del Lazio potranno fruire di oneri bancari più bassi. Come dimostrano gli ultimi dati diffusi dalla Banca d'Italia le spese medie di gestione di un conto corrente sono passate al 76,5 euro, con una diminuzione di 5,8 euro rispetto al 2014.

Quando apriamo un conto corrente la prima domanda che ci poniamo è quella relativa alla convenienza. La risposta non è semplice ma per aiutarci nella scelta può essere utile rivolgersi ad un comparatore di ultima generazione, che possiamo consultare all'indirizzo www.qualeconto.net

Attraverso il sito è possibile conoscere da vicino i migliori conti del momento e osservare con attenzione le tante schede dettagliate che vi aiuteranno a individuare quale conto corrente scegliere.







Facebook Twitter Rss