ANNO 9 n° 178
I ragazzi speciali di Juppiter in bicicletta per la vita
Nella Tuscia la tappa del ''giro d'Italia'' contro le dipendenze e il disagio giovanile
21/05/2019 - 17:02

VITERBO - ''Life-in marcia per la vita'' è un avventura, uno stile di vita, una maniera diversa di mettersi in gioco e di sensibilizzare le persone ai temi importanti del disagio giovanile e della tossicodipendenza .

Promossa dall'Associazione Sport e Comunità l'iniziativa arriva nella Tuscia dove incontra i ragazzi speciali dell'Associazione Juppiter, sono loro infatti i protagonisti di questa tappa, le parole d'ordine della giornata, la vita, quella vera, la natura, la precarietà, la libertà.

Sono partiti di buona lena e con lo zaino in spalla a bordo di 8 bici, ad aspettare la carovana nella sua prima tappa in zona palazzi di vetro, Pietro Nocchi, presidente della provincia di Viterbo e Daniela Donetti direttore generale della Asl, saluti di rito ed in bocca al lupo anche da parte dell'amico Questore di Viterbo Massimo Macera e si riparte in direzione Marta per costeggiare il lago di Bolsena fino a Capodimonte, alle 16 in comune ancora un ultimo saluto di Giovanni Arena sindaco di Viterbo e di Antonella Sberna assessore ai servizi sociali.

''Questo tipo di esperienze sono le nostre radici - dice Salvatore Regoli presidente di Juppiter e Vice presidente di sport e comunità - da sempre una delle risposte più concrete che Exodus di cui Juppiter fa parte ha messo in campo con questi ragazzi è quella della precarietà e dell'avventura, dice don Mazzi, il nostro capo, che 'un pallone ha salvato più ragazzi di ogni tipo di specialista', per questo lo sport è una delle nostre ruote e l'avventura rappresenta per noi una vera e propria parola d'ordine''.

Mettersi in marcia per cambiare se stessi e lo sguardo di chi si incontra, imparare il senso della fatica e la bellezza di ritornare alle cose semplici, all'essenzialità, tutto questo è la carovana, un cammino che si fa insieme per ritrovarsi, un'avventura unica in marcia per la vita.

L'esperienza fa parte del progetto Edusport finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ufficio per lo Sport.






Facebook Twitter Rss