ANNO 9 n° 341
''I figli piangevano e lo pregavano di smettere, lui continuava a massacrarla''
Calci e pugni alla moglie davanti ai bambini, a processo per maltrattamenti in famiglia
17/06/2019 - 06:42

SORIANO NEL CIMINO – (b.b.) ''Li sentivo litigare in continuazione. Le urla arrivavano fin dentro casa mia. Anche volendo, era impossibile non sentire quello che succedeva tra di loro''. Minacce di morte, botte e insulti alla moglie anche di fronte ai loro due bambini.

Per questo S.P. è finito a processo per maltrattamenti in famiglia.

''Le liti tra loro erano all’ordine del giorno – ha spiegato in aula un vicino della coppia – ma una volta mi sono spaventato più del solito''.

È il 16 luglio del 2018, nel piazzale di fronte al loro palazzo tra moglie e marito sarebbe divampata l’ennesima, accesa lite: ‘’C’erano i figli che piangevano e pregavano il padre di smetterla, ma lui continuava a massacrarla di botte’’.

Presa per i capelli e trascinata, poi presa di peso e sbattuta contro la macchina e fatta cadere a terra: ''Non prima però di essere presa a calci e pugni''.

Una scena drammatica, anche di fronte agli occhi dei due bambini: ''Sono dovuto intervenire per evitare che la ammazzasse per davvero – ha proseguito il testimone di fronte al giudice Silvia Mattei – d’altronde continuava a ripetere: ''Io ti stacco la testa, io ti levo dal mondo…'' con un rancore e una cattiveria da spaventarmi''.

Ma quella non sarebbe stata la prima volta che i carabinieri sono stati costretti ad intervenire: ''Il 25 giugno ci hanno chiamato dalla centrale per una lite famigliare – ha spiegato il maresciallo – quando siamo arrivati l’uomo era fuori di sé''.

Messi al riparo la moglie e i due figli, l’uomo è stato denunciato e ora deve rispondere di maltrattamenti in tribunale.

Il processo proseguirà a inizio ottobre.







Facebook Twitter Rss