ANNO 9 n° 169
Erbetti: ''Solo silenzi per il vincolo dei 1600 ettari''
Il M5S interviene sulla salvaguardia del territorio
26/05/2019 - 09:54

VITERBO - Riceviamo e pubblichiamo da Massimo Erbetti:

Ma del vincolo dei 1.600 ettari non importa a nessuno? Non una parola, non una riga, solo un silenzio assordante: eppure “a parole” tutti sono per il rilancio del turismo, per prolungare le permanenze, tutti a declamare le bellezze della città medioevale, tutti a scandalizzarsi per le auto parcheggiate nelle piazze, ma poi quando c’è da tutelare realmente il territorio, le ricchezze, la storia, le magnifiche aree termali, gettano la maschera: la maggioranza vota a favore di una delibera che va a minare i principi di tutela e salvaguardia del territorio, le opposizioni in parte si astengono e in parte lasciano l’aula, forse è meglio non metterci la faccia, meglio che siano altri a farlo, meglio far cadere il silenzio sulla questione, meglio che i cittadini non sappiano. Solo un voto contrario, uno solo, quello del M5S. Solo a noi interessa la tutela delle immense ricchezze che la storia ci ha donato, solo noi siamo con i fatti per il consumo ZERO del territorio. Solo il Movimento crede realmente che la rinascita di Viterbo passi necessariamente dalla tutela e rivalorizzazione.

Il vincolo del ministero ha degli scopi ben precisi: la necessità di controllare e indirizzare le fasi di sviluppo della città e favorire interventi di recupero ambientale e paesaggistico, atti a garantire la conservazione dell’integrità visiva del paesaggio e di preservare il contesto ambientale in cui sono inseriti beni costituenti testimonianza di quel sistema insediativo storico. Non dobbiamo poi dimenticare, che anche il Presidente della Repubblica nel suo intervento in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università della Tuscia, ha espresso gli stessi concetti del Ministero. Forse maggioranza e opposizione ad esclusione del M5S non sono interessate ad ascoltare pareri così autorevoli, ma questo è meglio non farlo sapere ai cittadini…

 






Facebook Twitter Rss