ANNO 9 n° 233
Con Camilli per vincere ancora
Pubblico, impianti e sostegno: la nuova sfida di una città tra i pro'
03/05/2016 - 02:01

di Andrea Arena

VITERBO – Il sorriso di due generazioni di Camilli, il capostipite Piero e il giovane Luciano, con la coppa in mano, nel verde dello stadio Rocchi – la casa di tutti i tifosi della Viterbese – è un’immagine che può aprire un’epoca. E che dà fiducia. Fiducia in un lungo e proficuo matrimonio tra questa famiglia di Grotte di Castro e il capoluogo della Tuscia, all’insegna del calcio, certo, ma anche dello sviluppo in generale.

Qui le ultime notizie sulla squadra

Qualcuno storce il naso di fronte al metodo Camilli. Troppo duro, troppo autoritario, troppi colpi di testa, troppi ragionamenti fatti di pancia e non con le sinapsi. Punti di vista. Certo, questo imprenditore che partendo dal nulla ha costruito un impero economico (la Ilco, industria leader della lavorazione delle carni ovine, e uno sterminato patrimonio immobiliare), che è da dieci anni sindaco del suo paese, che è stato assessore in Provincia e presidente del consiglio provinciale, può piacere o non piacere. Ma che sia un vincente c’è da poco da dire. Ne sanno qualcosa i tifosi gialloblu, appunto, che hanno dovuto attendere l’arrivo del Comandante per tornare a festeggiare qualcosa: due campionati vinti, e uno sfiorato, in tre stagioni, il ritorno nel calcio professionistico, i sogni sfrenati di un futuro ancora più esaltante.

Ma torniamo in quel sorriso di domenica sera allo stadio. In quel preciso momento, molti dei presenti, hanno avuto l’impressione che tra i Camilli e Viterbo sia davvero scattata qualcosa. Che si siano rotti anche gli ultimi ostacoli, che il rapporto sia entrato davvero in una fase intensa per entrambe le parti.

Sì, Camilli è pronto per vincere ancora, e ancora qui. Magari per portare la Viterbese laddove non è mai stata, quella serie B sfuggita un paio di volte in passato. E non è soltanto una questione tecnica – l’accordo con Ferdinando Sforzini è solo il primo di una serie di ingaggi per rafforzare la rosa in vista della Lega Pro – ma anche di tutto il resto. Già, perché superati i festeggiamenti, che comunque dureranno ancora a lungo, bisognerà andare oltre.

E qui si torna da capo. Viterbo deve dare delle risposte alla fame di vittoria del patron. In termini imprenditoriali, certo, affiancando e sostenendo una realtà vincente come quella gialloblu: e dunque, sponsor e accordi commerciali. In termini di presenze allo stadio, nota dolente della piazza da sempre, purtroppo, e riemersa anche domenica: i quattrocento che hanno seguito la squadra a Casal del Marmo, in fondo erano quelli che poi hanno festeggiato anche al Rocchi, aspettando l’arrivo del pullman coi giocatori. Pochi, troppo pochi per una città di sessantacinquemila abitanti e per una provincia di oltre 300mila: e proprio dalla provincia, dal resto della Tuscia, ci si aspetta qualche spettatore in più l’anno prossimo. Per il richiamo della Lega Pro e di sfide affascinanti con grandi squadre o anche soltanto ''per vedersi una bella partita’’.

C’è poi la terza questione da affrontare, quella se vogliamo più delicata. E che sta nei rapporti col Comune. I contatti tra il sindaco Michelini e il Comandante sono cordiali e di lunga data, e questo è un buon punto di partenza. Lo stesso primo cittadino ha già dato la sua disponibilità ad approfondire il discorso e a venire incontro alle esigenze del club. Quali? Sicuramente la necessità più urgente è quella di trovare un campo d’allenamento (preferibilmente in sintetico) in vista della prossima stagione. E dunque, un campo già esistente da mettere a posto, o meglio ancora una struttura nuova, che possa diventare un quartier generale per la Viterbese e il settore giovanile. Senza impianti non si può pensare di affrontare un mondo come quello dei pro’, dove l’organizzazione e la logistica contano quanto l’aspetto tecnico, se non di più. Ci sono esempi d’eccellenza (è il caso di Novara, col suo Novarello) che probabilmente qui a Viterbo non si potranno raggiungere, ma sarebbe comunque possibile creare qualcosa di serio, ben fatto e soprattutto utile. La Viterbese, d’altronde, non ha mai avuto qualcosa di ‘’suo’’, di sua proprietà. Un immobile, cioè, o un terreno, che oltre ad aumentare il valore del club è qualcosa che esiste, si può toccare, che resterebbe negli anni. E che magari potrebbe convincere Camilli a non lasciare più questa città.

Il Comune, in questo senso, può fare molto, sia a livello pratico (autorizzazioni e scartoffie varie) sia a livello di azione morale. E qualcuno si aspetta da Michelini delle parole chiare già durante la cerimonia ufficiale di premiazione alla squadra e alla società, che a Palazzo dei Priori stanno preparando e che si terrà nei prossimi giorni, forse nel cortile del palazzo o in una delle sale.





Facebook Twitter Rss