ANNO 7 n° 291
Aversa non regge e
Ceramica Globo vince
Parte con il piede giusto la nuova avventura nella pool promozione
13/02/2017 - 09:53

VITERBO - Nel battesimo della pool promozione, Banderò e compagni partono subito forte, sconfiggendo la quotata Sigma Aversa tra le mura del Palajacazzi. Punteggio rotondo per un match vibrante condotto dall’inizio alla fine dai rossoblù. Il team manager Santini chiama a raccolta i tifosi contro la corazzata Siena.

SIGMA AVERSA - CERAMICA GLOBO CIVITA CASTELLANA 0-3 (21-25, 18-25, 27-29)

SIGMA AVERSA: De Paola 3, Di Florio, Santangelo 9, Vacchiano (L), Putini, Razzetto ne, Libraro 12, Hister ne, Attanasio ne (L2), Robbiati 8, De Rosas 3, Valla ne, Montò 5, Giacobelli 6. All. Bosco Pasquale. Secondo all. Bosco Alfonso

CERAMICA GLOBO CIVITA CASTELLANA: Saturnino (L2), Sacripanti, Pellegrino ne, Celic 6, Marinelli 10, Bortolozzo ne, Banderò 17, Ippolito, Preti 11, Marchiani 1, Gaia ne, Valsecchi 6, Cicola (L), Saturnino (L2) ne. All. Spanakis. Secondo all. Pastore

Parte con il piede giusto la nuova avventura della Ceramica Globo Civita Castellana nella pool promozione, che decreterà la griglia playoff per ambire alla Superlega. Dieci partite tra andata e ritorno contro le prime cinque classificate del Girone Bianco che, insieme alle top 5 del Girone Blu (tra cui Civita) formano ora un solo raggruppamento promozione, portando già in dote nella nuova classifica i punti accumulati nel proprio girone di appartenenza contro le squadre approdate a questa seconda fase.

I rossoblù sconfiggono in tre set la Sigma Aversa e si attestano già al sesto posto in classifica in coabitazione con Bergamo. Vecchia conoscenza la formazione del Presidente Di Meo, già affrontata nella serie cadetta in incontri ad alto contenuto agonistico; nel calore del PalaJacazzi, la squadra di Spanakis dimostra ancora una volta una indole indomita in trasferta, portando a casa tre punti dove tante squadre avevano fin qui capitolato o comunque faticato per passare indenni.

Le parole del tecnico rossoblù Alessandro Spanakis a fine gara: ''Avevamo studiato con attenzione Aversa, conoscendo in pieno il valore di una squadra che ha fatto molto bene nel proprio girone, togliendo punti a squadre più quotate. I ragazzi hanno approcciato col giusto piglio e siamo stati da subito sul pezzo. Unica nota un po’ stonata il terzo set, in cui ci siamo fatti recuperare per due volte 3-4 punti di vantaggio. Dobbiamo imparare ad essere più concreti in alcuni momenti della gara e non lasciare nulla al caso. Giocando ogni tre giorni e con un calendario così serrato, ogni distrazione può costarci cara in termini di punti''.

Torna su ritmi elevati Felipe Banderò che con 17 punti finali si aggiudica il titolo di Mvp della serata ed è lui il trascinatore dei laziali, ben orchestrati dal solito Marchiani in regia. Tra i normanni il rientro di De Paola dopo quasi un anno di stop fa felice la società, ma lo schiacciatore è ovviamente ancora lontano dai suoi standard; sono Libraro e Santangelo a tentare di reggere l’esplosività degli avversari, ma solo nell’ultimo set Aversa riesce ad opporre una vera resistenza portando gli ospiti ai vantaggi ma capitolando al 27-29 sul mani-out di Marinelli, dopo aver avuto la possibilità di riaprire l’incontro.

La Globo è apparsa subito tonica dal primo set, con Marinelli e Valsecchi ben piazzati a muro e un Banderò subito in palla: proprio il muro dello schiacciatore veliterno firma lo strappo del +3 e di lì il divario si allunga, con ben cinque set point sul finale quando De Paola e Robbiati provano a ricucire ma è tardi (21-25).

Nel secondo parziale è lo stesso copione, Civita preme sul gas con Banderò che imperversa da tutte le posizioni ed è a tratti infermabile. Quando Marinelli trova l’ace al servizio siamo già 12-17 per i viterbesi che scappano ancora e chiudono con un aria-terra del brasiliano e il potente ace di Preti (18-25).

Sotto due a zero la squadra di coach Bosco ha però la sua chance per tornare in partita e cercare di non rimanere a secco proprio all’esordio. Libraro punge in battuta per il 7-7 ma poi sono Celic in primo tempo e due volte Banderò dai nove metri a ricacciare indietro le velleità normanne (9-13). Tengono botta i padroni di casa e la parità è ristabilita sull’ace di De Paola (14-14). Poi qualcosa si rompe sulla chiamata videocheck di coach Spanakis su un tocco ravvisato a muro: la decisione avversa fa infuriare De Paola che si becca il cartellino rosso e il divario si allarga a +3. Il moto d’orgoglio della Sigma arriva disperato sul 17-21, complice qualche distrazione di troppo di Civita in ricezione: si va ai vantaggi con i rossoblù che sono però cinici ad archiviare la pratica e con il mani-out di Marinelli su Giacobelli si portano a casa punto, set e partita (27-29).

Mercoledì 15 febbraio a Montefiascone la Globo scenderà nuovamente in campo, in questo forsennato calendario (si gioca praticamente ogni tre giorni), contro la squadra migliore e più in forma di tutta l’A2, ovvero l’Emma Villas Siena, fresca vincitrice della Coppa Italia di A2 e vincente in gara odierna contro Reggio Emilia per 3-0; sono già diversi i precedenti tra le due società, con Civita avanti 2-1 nel conto dei match vinti tra campionato e coppa nella scorsa stagione. Ma la nuova portaerei di Bisogno è una squadra diversa dalla precedente, con nomi importanti tra le sue fila e con gli ex rossoblù Cesarini e Menicali: ha dominato il suo girone, si è aggiudicata appunto la Coppa Italia e punta in maniera decisa alla promozione in Superlega, attestandosi ora al primo posto della pool promozione con 20 lunghezze.

Un incontro proibitivo quindi sulla carta per i civitonici, che sono però pronti ad attendere il nemico tra le mura di casa. ''L’avversario è dei più forti fin qui affrontati, almeno sulla carta – dichiara il team manager Santini - e il giorno e l’orario non sono sicuramente dei più favorevoli per richiamare tanto pubblico, però vorrei vedere sugli spalti il calore della semifinale di Coppa Italia. Chiedo a tutti i tifosi e concittadini di fare un piccolo sforzo ed esserci per questo spettacolo, lo meritano i giocatori e la Società che tanto sta facendo per fare grande Civita Castellana''.







Facebook Twitter Rss