ANNO 9 n° 205
Aeci Monte Romano, una raccolta firma contro Talete
''Noi non ci arrendiamo''
09/04/2019 - 09:15

MONTE ROMANO - Riceviamo e pubblichiamo da Aeci Monte Romano:

Noi non ci diamo per vinti perché siamo convinti che l'acqua deve rimanere un bene pubblico anche se la legge, contravvenendo all' esito referendario, quindi alla volontà popolare, impone il contrario, con ricadute pesantissime sia sui costi che sulla gualità erogata.

Con il referendum del 2011 gli Italiani votarono per farsi che l'acqua non entrasse a far parte del mercato economico ma fosse gestita, senza fini di lucro, dagli enti pubblici poiché bene primario.

La regione Lazio nel 2014, recependo l'esito referendario, approvò la legge n° 5 Tutela, governo e gestione pubblica delle acque. LEGGE MAI APPLICATA.

Il comune di Monte Romano dal 2010 si oppone all' ingresso in Talete del proprio Sistema Idrico, negli anni prima il Governo Renzi, poi Zingaretti hanno imposto di commissariare i Comuni ribelli che non sono mai voluti entrare in Talete e sono 30 nel Viterbese.

Talete spa e' una societa' fallimentare , in deficit e pagheremo almeno il 70 per conto in più di quello che paghiamo oggi al Comune, con un acquedotto che e' attualmente uno dei migliori, visti i lavori fatti e i soldi spesi dal Comune, da noi Cittadini...AECI MONTE ROMANO DICE NO A TALETE E CHIEDE AI CITTADINI DI FIRMARE PER DIRE NO






Facebook Twitter Rss