ANNO 9 n° 349
Come trovare lavoro: consigli, regole e supporto degli operatori di settore

 

In base agli ultimi dati resi noti dall'Istat il tasso di disoccupazione in Italia registra a febbraio un timido segno di calo.

Quel che è certo è che la compagine dei disoccupati è ancora piuttosto elevata ed è pari a 2 milioni 984mila, con una stima degli inattivi, tra i 15 e i 64 anni, in crescita.

Come trovare lavoro è diventato il leit motiv delle nuove generazioni, anche se la ricerca di un lavoro impegna persone di età diverse dai più giovani a coloro che hanno già superato gli 'anta' e sono ancora lontani dalla pensione.

Un'analisi attenta del mercato del lavoro prevede una serie di passaggi che è bene affrontare con calma e metodo, per non lasciare nulla al caso ed indirizzare al meglio le potenzialità.

Una ricerca corretta è bene che consideri tutte le regole base e i soggetti utili come possono essere i centri per l'impiego, di norma pubblici, e le agenzie per il lavoro, realtà private.

Gli operatori di orientamento dei centri o delle agenzie garantiscono un ottimo supporto, indicando quali possono essere gli sbocchi professionali più adatti all'esperienza e al curriculum maturato, rendono noti i bandi pubblici e le graduatorie ancora aperte, offrono gli elenchi delle imprese che sono alla ricerca di personale.

Forniscono inoltre informazioni specifiche su come affrontare nel miglior modo possibile un colloquio di lavoro.

Grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie ci si può candidare per un lavoro anche attraverso le pagine web di un'azienda, oppure consultare i siti dove si possono scorrere centinaia di offerte di lavoro ed inviare la propria candidatura.

Di norma l'invio del curriculum ai siti dedicati avviene previo iscrizione, nella stragrande maggioranza dei casi gratuita.

Questi siti inoltre dispongono di un servizio 'alert' che permette di ricevere attraverso la posta elettronica tutta una serie di annunci attinenti la tipologia di profilo indicata.

Internet offre l'opportunità di far conoscere alle aziende la propria posizione professionale, rendendo pubblico il curriculum vitae.

Chi è alla ricerca di un lavoro deve predisporre nella maniera più consona una lettera di presentazione, che deve contenere il profilo professionale e le motivazioni, che spingono il candidato a proporsi per una tipologia di lavoro.

E' bene preparare una lettera personalizzata, sincera e diretta.

La stessa attenzione va riservata all'elaborazione del curriculum vitae, che rappresenta in sintesi il biglietto da visita del candidato, dove sistemare con attenzione e cura, ma soprattutto in maniera sintetica, le notizie attinenti gli studi compiuti e le eventuali esperienze di lavoro maturate nel corso degli anni.

E' bene inviare il curriculum scegliendo a quale tipologia di aziende inoltrarlo, evitando una spedizione sommaria.

Chi è alla ricerca di un lavoro deve valutare l'importanza dei social network ma anche l'aiuto di metodi mai superati quali il passa-parola e le conoscenze dirette.




Facebook Twitter Rss