ANNO 9 n° 323
''Abbiamo perso senza subire un tiro in porta, penalizzati dall'arbitro''
Lopez furibondo nel dopo partita contro il Catania per il rigore inesistente

VITERBO - A fine partita monta la rabbia dei giocatori e del mister della Viterbese. Comincia Stefano Antezza che commenta così la sconfitta al Massimino: ''Il rigore? Non c'è stato alcun tocco di mano. Abbiamo giocato per tutta la partita facendo una gara spettacolare per qualità ed intensità. Tutti siamo stati all'altezza della situazione ma torniamo a casa con nulla in tasca dopo l'ottima partita che abbiamo fatto''.

Il capitano, Zhivko Atanasov, rincara la dose: ''Il gruppo c'è, lo abbiamo dimostrato. Abbiamo perso per un pallone che Besea ha preso in faccia, l'ho detto all'arbitro forse con troppa foga meritandomi l'ammonizione ma, fidatevi, questo gruppo ha dato e dà il massimo. Meritavamo almeno un pari''.

Furibondo mister Lopez: ''Abbiamo iniziato con dei giocatori che avevano problemi fisici e abbiamo subito creato due importanti palle gol''. 

''Durante il primo tempo alcuni dei nostri giocatori hanno subito tre infortuni e abbiamo inserito in campo altri tre under - ha proseguito il tecnico gialloblu - Siamo stati penalizzati dalla decisione arbitrale, lavoriamo tutta la settimana e dovremmo essere trattati come le altre squadre. Abbiamo perso senza subire un tiro in porta perché l’arbitro ha concesso il rigore per una palla in faccia a un nostro giocatore. Vorrei fare i complimenti ai miei ragazzi, hanno lottato su tutti i palloni contro una squadra forte come il Catania''.

Sul fronte infortuni, Lopez chiarisce che ''De Falco l’ho tolto per non rischiare, Tounkara si è portato dietro una noia muscolare, mentre Bezziccheri ha preso una botta in testa, era anche ammonito e ho preferito toglierlo. Milillo è stato eccezionale, Pacilli è tanto che non gioca come Besea e Urso. Stiamo crescendo e stiamo migliorando partita dopo partita. Con tutti i giocatori in rosa e disponibili a giocare saremo una grande squadra e ci toglieremo grandi soddisfazioni''.



Facebook Twitter Rss