ANNO 9 n° 293
Vittorio Sgarbi candidato sindaco a Sutri
''Lo farò gratis'', annuncia lo stesso critico d'arte e deputato di Forza Italia
08/04/2018 - 13:11

SUTRI - ''E' una città che deve rinascere davanti al mondo'', è così che Vittorio Sgarbi indica Sutri. E per avvalorare la sua tesi fa di più: annuncia la sua candidatura come Sindaco della città. Il deputato di Forza Italia e assessore ai beni culturali in Sicilia ora punta all'amministrazione della città viterbese offrendo il proprio operato in maniera del tutto gratuita. Lui, critico d'arte, ha spesso parlato dell'importanza del patrimonio artistico della zona e ha deciso di annunciare la sua decisione anticipando i principali obiettivi da raggiungere con una sua eventuale elezione.

Il primo punto, per deformazione professionale, è ovviamente la proposta di ''Sutri città d'arte'' che presuppone anche un nuovo simbolo identificato nella Torre degli Arraggiati. Un progetto che rilancerebbe la città nel mondo culturale e renderebbe giustizia all'importanza artistica del territorio. Vittorio Sgarbi, oltre allo stipendio, si sente pronto a rinunciare anche ad ogni indennità connessa al ruolo. In passato, il focoso personaggio, è già stato sindaco di Salemi, comune in provincia di Trapani fino al 2012.

Con la sua amministrazione, in Sicilia, proclamò la prima ''Capitale dell'Italia Tibetana'', inaugurò con Giorgio Napolitano un museo dedicato a Leonardo Sciascia e si oppose all'istallazione di impianti eolici e fotovoltaici.

Ma più che per l'attività politica, Sgarbi, rimane noto per il personaggio che rappresenta. Liti televisive, atteggiamenti mai banali e una forte difesa delle proprie idee. Sul web si sono accese le prime, ironiche, reazioni. Dall'invito a ''CAPRAnica'' al sondaggio sulle votazioni.

Facebook Twitter Rss