ANNO 9 n° 316
Viterbese show, sei reti al Montecelio
Successo largo per i gialloblu che tornano a sorridere: il Rieti è più vicino
10/11/2013 - 16:21

di Domenico Savino

VITERBESE CASTRENSE – MONTECELIO 6-2

VITERBESE CASTRENSE (4-3-2-1) Cima; Rausa, Fapperdue, Ingiosi (dal 1’ s.t. M. Marini), Ghezzi; De Vizzi, Romondini, Faenzi (dal 38’ s.t. Ravoni); Cerone, Noviello (dal 27’ s.t. De Francesco); Pacenza A DISPOSIZIONE G.Marini, Giurato, Toto, Toscano ALLENATORE Pirozzi

MONTECELIO (4-5-1) Proietti; Sefuli, Ciafrei, Comito, Silvestri; Mereu, Berardi, Severini (dal 32’ s.t. Piervincenzi), Minelli (dal 32’ Sansotta), Bertino; Silvestrini (dal 5’ s.t. De Santis) A DISPOSIZIONE Latini, Baldini, Fiorentini, Moscatelli ALLENATORE Oddi  

ARBITRO Giancola di Latina (Saccone e Tucci)

RETI nel p.t. al 5’ Pacenza (V), all’8’ Bertino (M), al 18 Cerone (V), al 25’ Noviello (V), al 35’ Silvestrini (M); nel s.t. al 18’e al 22’ Noviello (V), al 47' Mattia Marini (V)

NOTE giornata piovosa, terreno in buone condizioni, spettatori 300 circa Ammoniti Rausa e Noviello per la Viterbese; Comito e Ciafrei per il Montecelio Espulsi Angoli 3-4 per il Montecelio Recupero 1 + 3

VITERBO – Successo largo, che riabilita. Torna alla vittoria la Viterbese e non succedeva da un mese. Servivano i tre punti che giungono nella domenica propizia: Rieti, Ladispoli e Villanova perdono e si recupera terreno dalla capolista. Ora sono due le lunghezze che dividono gialloblu e sabini. Tutto riesce e il Montecelio si arrende con il passare del tempo. Pensa di poter sfruttare gli errori della Viterbese e invece resta imbrigliato nelle trame di gioco.

E’ una Viterbese che si muove di gruppo: c’è mutuo soccorso tra i reparti, c’è una squadra più corta che dimostra quella rabbia agonistica tanto invocata dalla società. Piace l’applicazione della Viterbese che si batte anche dopo aver chiuso la gara. Ma la Viterbese ha in più Noviello e Cerone: due giocatori di un’altra categoria che illuminano la partita. Dai loro piedi nascono le azioni più importanti dei gialloblu. Segna tutto l’attacco: una rete di Pacenza e di Cerone, la tripletta di Noviello che scava la reale differenza tra Viterbese e Montecelio. Il sesto gol di Mattia Marini è pura accademia. I tiburtini fanno quello che possono: i punti di Bertino e Silvestrini servono solo a tenere la gara aperta.  

Pirozzi cambia atteggiamento tattico: la Viterbese si dispone su quattro linee con Noviello e Cerone alle spalle di Pacenza: è un triangolo offensivo che si muove spesso per non dare punti di riferimento alla difesa del Montecelio. Cerone è particolarmente ispirato e catalizza tutte le azioni offensive: parte da destra per poi accentrarsi e creare superiorità numerica. La mediana è muscolare con Romondini e De Vizzi (buono il suo esordio, è un mastino che va sempre a pressare il portatore di palla) a fare da diga davanti alla difesa e Faenzi che corre e si inserisce. E’ giusto l’atteggiamento della Viterbese che aggredisce l’avversario e non lo fa ragionare.

Il Montecelio si rintana in un abbottonato 4-5-1 votato soprattutto alla fase difensiva. Il centrocampo è robusto per tentare di arginare l’onda d’urto della Viterbese. Oddi tiene la difesa bloccata e quando attacca la Viterbese ci sono almeno nove uomini dietro la linea della palla. I gialloblu aumentano il ritmo e  diventano imprendibili: prima alzano il pressing per una rapida riconquista della palla, poi si gettano in velocità negli spazi. Noviello e Cerone sono abili a trovarsi la posizione e a non offrire punti di riferimento. Scavano la differenza anche con giocate di categoria superiore.

Sono i gol che scandiscono la partita: la Viterbese scappa con Pacenza, ma Bertino la riprende subito. Poi si scatena un temporale di insidie: verticalizzazioni improvvise, colpi che squarciano la retroguardia e calcio che sgorga con una certa facilità. Il rigore di Cerone e la rete di Noviello sono la conferma di una squadra che sembra trovarsi. Dopo un’azione personale Cerone spara alto, Pacenza conclude a lato una giocata a percussione di Faenzi. La Viterbese è una squadra godibile da vedere, tuttavia quando abbassa i ritmi il Montecelio esce dal guscio e con Silvestrini accorcia le distanze. C’è comunque impegno e volontà di superare il momento difficile.

Nella ripresa è sempre la Viterbese che comanda le operazioni. Attacca bene e crea sempre apprensione nella difesa del Montecelio. I gialloblu devono fare a meno di Ingiosi (al suo posto Mattia Marini), mentre Oddi toglie l’unica punta Silvestrini per De Santis (un difensore) per limitare i danni. Noviello delizia la platea per il poker e poi per la personale tripletta: prima impallina Proietti con una splendida conclusione a giro poi chiude un contropiede. Il fantasista ex Ternana mette la firma in calce sia alla sua buona gara fatta di corsa e tecnica che al successo largo della Viterbese che chiude definitivamente la pratica con la sesta rete di Marini.

Nona giornata 10/11/2013

Caninese - Nuova Sorianese               
1-2
Civitavecchia - Rieti 1-0
Fonte Nuova - Empolitana Giovenzano 0-0
Fregene - Grifone Monteverde 0-2
Futbolclub - Città di Monterotondo 1-0
Ladispoli - Montefiascone 0-1
Monterotondo - Real Monterosi sosp.
Villanova - Cerveteri 0-2
Viterbese Castrense - Montecelio 6-2

Classifica dopo la 9° giornata

Rieti    

22

Viterbese
20
Villanova 17
Ladispoli 17
Nuova Sorianese 15
Futbolclub 15
Montefiascone 14
Real Monterosi
13
Grifone Monteverde 12
Civitavecchia 11
Cerveteri 11
Monterotondo Calcio 10
Caninese
9
Empolitana 9
Montecelio
8
Fonte Nuova
6
Città di Monterotondo      
4
Fregene 3

Civitavecchia penalizzato di quattro punti

Prossimo turno 17/11/2013

Cerveteri - Caninese

Città di Monterotondo - Fonte Nuova

Empolitana Giovenzano - Monterotondo Calcio

Grifone Monteverde - Civitavecchia

Montecelio - Ladispoli

Montefiascone - Fregene

Nuova Sorianese - Fubolclub

Real Monterosi - Viterbese

Rieti - Villanova





Facebook Twitter Rss