ANNO 9 n° 293
Viterbese settebellezze: vetta solitaria
Gialloblu senza alcun problema: un successo così non accadeva da vent'anni
19/01/2014 - 16:17

di Domenico Savino

VITERBESE CASTRENSE – CANINESE 7-0

VITERBESE CASTRENSE (4-2-3-1) Boccolini; Rausa, Federici, Fapperdue, Toto (dal 20’ s.t. Ghezzi); Faenzi, Giannone; Gubinelli, Cerone, Giurato (dal 23’ s.t. Ravoni); Vegnaduzzo (dal 22’ s.t. Pacenza) A DISPOSIZIONE Cima, Kacka, M. Marini Polani ALLENATORE Solimina

CANINESE (4-1-4-1) De Bartolo; Maiorana, Roccisano, Corasaniti, Guerrini; N. Ferri; Ihenacho, Chiaranda (dal 19’ p.t. Brandoni dal 22’ Nicolini), Lupi, Lanzalonga (dal 25’ s.t. A. Ferri); Goretti A DISPOSIZIONE Marcoladi, Petricca, Parri, Santoro, Nicolini, Ferri ALLENATORE Sperduti

ARBITRO Angiolari di Ostia Lido (Borelli e Silverio)

RETI nel p.t. al 33’ Gubinelli (V), al 36’ Fapperdue; nel s.t. al 14’ e al 19’ Vegnaduzzo, al 26’ e al 31’ Cerone (V), al 34’ Gubinelli (V)

NOTE giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni, spettatori 500 circa. Ammoniti Fapperdue per la Viterbese; Guerrini per la Caninese Angoli 3-2 per la Viterbese Recupero 2 + 0

VITERBO – Senza fatica. La Viterbese si libera della Caninese e si prende la vetta della classifica dopo il pareggio mattutino del Rieti. Salgono a due i punti di vantaggio sui sabini, la Viterbese completa la rimonta: ha recuperato sette punti in un mese agli amarantocelesti. L’ottavo risultato utile consecutivo è condito dalle doppiette di Gubinelli, Vegnaduzzo e Cerone (sempre più capocannoniere) e dal timbro di Fapperdue. Sette reti su un avversario ridotto ai minimi termini. Non succedeva da diciotto anni che la Viterbese vincesse una partita 7-0: l’ultima volta l’avversaria malcapitata fu il Trani nel campionato di C2. E non era questa la gara per capire se la Caninese è in grado di salvarsi. Tuttavia tra andata e ritorno tredici gol al passivo, forse troppo per il modesto avversario. I gialloblu risparmiano energie in vista del ritorno di coppa a Ladispoli: in riva al Tirreno ci sarà da battagliare. E allora meglio limitarsi al minimo indispensabile contro un’altra portacolori della Tuscia. Solimina fa anche qualche esperimento: ad esempio Ghezzi nel ruolo di esterno basso di sinistra può essere una mossa futuribile per passare al 4-3-3 e schierare un attacco pesante quando rientrerà Pero Nullo.

E’ una Viterbese camaleontica: Solimina decide di non offrire punti di riferimento all’avversario. Di base sembra la solita squadra con un tridente alle spalle di Vegnaduzzo, ma in fase di non possesso Giannone si abbassa, Faenzi si alza per far oscillare il modulo verso il 4-1-4-1; quando i gialloblu hanno la palla diventano 4-3-3 con Gubinelli, Vegnaguzzo e Giurato in attacco, Cerone che va a fare la mezz’ala insieme a Giannone e Faenzi. L’unico reparto che non cambia mai è la difesa rigorosamente a quattro. Interessanti gli spostamenti interni: la Viterbese non è mai scontata: al contrario della Caninese che deve fare di necessità virtù. Tra i pali esordisce De Bartolo, appena tesserato), per il resto è una squadra che si arrocca in difesa e punta a fare tanta densità nella propria metà campo per non lasciare spazi alla Viterbese. Sperduti schiera cinque under in campo (che diventano sei dopo l’ingresso di Brandoni per Chiaranda) e in panchina ha solo juniores. Troppo poco per poter competere contro la Viterbese.

Ritmo basso, la Viterbese fa accademia. Sa che può sbloccare la gara quando vuole talmente è evidente la differenza di valori. La Caninese sembra quasi aspettare la sentenza, che arriva inevitabile. Bastano due cross precisi nell’area di rigore per spaccare la partita e consegnarla definitivamente alla Viterbese. Gubinelli (che sta diventando specialista dei colpi di testa) e Fapperdue (che esulta facendo vedere una maglia dedicata a Giosuel, tifoso gialloblu scomparso qualche mese fa) incornano perfettamente e inclinano la gara dalla parte dei gialloblu. E’ apprezzabile la volontà dei maremmani di non volersi arrendere. Lottano con ardore, ma si infrangono sul muro gialloblu. Nella ripresa le doppiette di Vegnaduzzo e Cerone e ancora Gubinelli arrotondano il tabellino. Poi solo cambi e esperimenti per una partita che si trascinata stancamente fino alla fine.

Diciottesima giornata 19/01/2014

Empolitana Giovenzano - Città di Monterotondo         
2-2
Fregene - Civitavecchia 2-1
Grifone Monteverde - Fonte Nuova 2-1
Ladispoli - Villanova 1-1
Montecelio - Cerveteri 2-1
Montefiascone - Rieti 2-2
Monterotondo Calcio - Futbolclub 3-3
Real Monterosi - Nuova Sorianese 1-2
Viterbese Castrense - Caninese 7-0

Classifica dopo la 18° giornata

Viterbese                                40
Rieti 38
Ladispoli 32
Nuova Sorianese 32
Real Monterosi
30
Villanova 29
Grifone Monteverde 28
Futbolclub 27
Civitavecchia 24
Montecelio 23
Cerveteri 20
Montefiascone 20
Monterotondo Calcio 17
Fregene 17
Empolitana 16
Fonte Nuova 15
Caninese 14
Città di Monterotondo 13

Civitavecchia penalizzato di cinque punti

Prossimo turno 26/01/2014

Città di Monterotondo - Grifone Monteverde

Caninese - Ladispoli

Cerveteri - Real Monterosi

Civitavecchia - Montefiascone

Fonte Nuova - Monterotondo Calcio

Futbolclub - Viterbese Castrense

Nuova Sorianese - Empolitana Giovenzano

Rieti - Montecelio

Villanova - Fregene





Facebook Twitter Rss