ANNO 10 n° 19
Viterbese e Flaminia ai nastri di partenza
Per le portacolori della Tuscia diversi obiettivi, identica la voglia di far bene
06/09/2014 - 02:00

VITERBO - (d.s.) Viterbese e Flaminia ai nastri di partenza. Mancano ventiquattro ore all'avvio ufficiale del campionato. Sono inserite in girone differenti: i gialloblu sono nel raggruppamento G con laziali e sarde; i rossoblu in quello E in cui è arrivato il Rieti appena ripescato dall'Eccellenza e che ha preso il posto dell'Arezzo. Partono con ambizioni diverse e con organici altrettanti differenti. Ma la voglia di fare bene è simile. La squadra di Gregori è una delle candidate al successo finale. Quella di Puccica deve combattere per salvarsi. Però il campionato sta per iniziare: i tifosi sono in fermento e allora vale la pena analizzare come Viterbese e Flaminia si sono attrezzate per il ''Campionato d'Italia'', così come lo definisce la Lega dilettanti.

VITERBESE - La creatura dei Camilli è nata per aggredire il torneo. Una campagna acquisti importante fatta di colpi in sequenza: da Saraniti a Pippi, da Nuvoli a Spinelli passando per Scardala. Il tecnico Attilio Gregori, confermato dopo la promozione dall'Eccellenza, sa che non può sbagliare. Sa che la proprietà pretende il massimo impegno e che nulla deve essere lasciato al caso. L'intoppo in Coppa Italia (eliminazione ai rigori contro l'Anziolavinio) non è stato preso bene dalla società che si è fatta sentire. Eppure le amichevoli e la prima uscita contro la Flaminia in Coppa avevano mostrato una bella Viterbese imperniata su una difesa granitica e un attacco sempre perioloso. Ora c'è solo da attendere la prova del campo. L'esordio è allo stadio ''Pera'' di San Cesareo.

FLAMINIA CIVITA CASTELLANA - Il discorso per i civitonici è differente: non hanno l'obbligo di vincere ma devono comunque salvaguardare la categoria. E anche quest'anno non sarà facile: budget limitato, scelte ridotte all'osso. la garanzia sta in chi guida: per il terzo anno di fila siede sulla panchina Lillo Puccica, esperto nocchiere che conosce ogni anfratto della categoria. Per quanto riguarda la squadra, la società è riuscita a trattenere gli attaccanti Sciamanna e Alessandro Polidori, in difesa Cota, Bricchetti e Simmi. Accanto a loro un nugolo di under pronti a dare battaglia. Il debutto è al ''Madami'' contro il Ponsacco.

FIOCCO GIALLO PER I MARO' - Nella prima giornata di campionato le squadre scenderanno in campo indossando il fiocco giallo, simbolo della campagna di solidarietà promossa in favore dei marò Latorre e Girone. ''Era un atto doveroso quello di esprimere solidarietà ai militari coinvolti in questa vicenda - ha affermato Mambelli, reggente della Lnd dopo l'elezione di Tavecchio a presidente della Figc - ed era importante compierlo coinvolgendo i club del nostro campionato di vertice''.





Facebook Twitter Rss