ANNO 7 n° 348
Viterbese al lavoro
con la giusta rabbia
Domenica al Rocchi il derby col Racing Roma
08/09/2016 - 02:00

VITERBO – (s.r.) Gialloblu al lavoro, secondo programma, per preparare l'impegno prossimo venturo, quello che domenica al Rocchi proporrà il primo derby laziale di Lega Pro del campionato, quello che metterà di fronte la Viterbese ed il Racing Roma. Gialloblu in campo (ieri la solita doppia seduta del mercoledì, oggi alla Palazzina la partitella del giovedì) con un pizzico di rabbia in più rispetto alla settimana scorsa, quella rabbia che è pari alla voglia, alla necessità si può anche dire, di rompere il digiuno, di cogliere quel successo sfuggito nelle prime due giornate, di cancellare nella casella della gare vinte quello zero che già ha sollevato malumori in misura forse superiore a quanto fosse lecito pensare.

La formazione capitolina, allenata dall’ex laziale Giuliano Giannichedda, non sarà un avversario da sottovalutare, tutt'altro. Lo dice senza mezzi termini anche Giovanni Cornacchini che la giudica ''una buona squadra, che va tenuta in considerazione nella misura che merita. I dirigenti romani hanno allestito un buon gruppo, con molti giovani ma anche con giocatori di esperienza e di categoria, che ha avuto un buon impatto con il campionato''. Nelle prime due giornate, il Racing è infatti uscito sconfitto di misura (1-0) dal campo del Livorno e domenica scorsa, in casa, con lo stesso punteggio (gol di De Saoua) ha superato il Prato dell’ex Viterbese Leonardo Acori.

Squadra dall’età media molto bassa, nelle prime due gare di campionato è scesa inizialmente in campo con non meno di cinque under 20 affiancati da compagni che comunque difficilmente superano i 23 anni. Lo zoccolo duro, se così si può definire, della formazione romana è rappresentato da Luca Ricciardi, centrocampista 27enne già in B con il Latina, in C con il Pisa ed il Tuttocuoio, dal classe 1978 Gaetano Vastola, difensore lo scorso anno al Lanciano, nel 2001 alla Viterbese per metà stagione, dal mediano Emiliano Massimo, 27 anni, in B con l’Avellino e poi con Grosseto ed Ischia prima di giocare a Chieti la passata stagione. In attacco, l’uomo di esperienza è l’ex biancoazzurro Claudio De Sousa, 31 anni, quasi 250 presenze nel calcio professionistico con le maglie, tra le altre di Torino (serie A e B), Lazio (A), Ancona, Pescara, Chieti, Como, L’Aquila in serie C.






Facebook Twitter Rss