ANNO 7 n° 351
Viterbese al lavoro col Renate nel mirino
Battendo i brianzoli si sale in alto
22/09/2016 - 02:01

di Stefano Renzi

VITERBO - Con il Renate nella testa. In via della Palazzina e dintorni non si parla d’altro, si guarda con estremo interesse alla gara di domenica prossima quando i gialloblu, ancora alle 14,30, cercheranno di ottenere il massimo dalla seconda gara interna consecutiva che il calendario propone loro. Battendo i brianzoli – è il ragionamento che tiene banco negli ambienti più o meno vicini alla squadra - c’è la concreta possibilità di fare un altro passettino in avanti nella classifica, sorpassando lo stesso Renate e ponendosi sulla scia delle prime, delle ''grandi'', insomma di quelle squadre che finora non hanno perso un colpo.

Già, battere i neroazzurri di Luciano Foschi sembra la conditio sine qua non per tentare la scalata al podio, almeno temporaneo, del girone. E, assicura Giovanni Cornacchini, quella che attende domenica la sua squadra non sarà una pratica da sbrigare con facilità. “Il Renate è un avversario ostico – dice il tecnico di Fano – una compagine che sta bene in campo, che fa della fisicità una delle sue caratteristiche, molto forte e pericolosa nelle ripartenze. La stiamo studiando con attenzione e siamo entrati nella convinzione che il compito che ci attende sarà di quelli estremamente difficili, molto più di quanto lo sia stato quello di domenica scorsa, con tutto il rispetto possibile nei confronti del Prato”.

L’allenatore della Viterbese cerca giustamente di tenere alta l’attenzione del suo gruppo, scongiurando così qualsiasi tipo di rilassamento. E poi lavora dura per preparare al meglio questa partita divenuta un po’ lo spartiacque del primissimo scorcio della stagione. Parlare di assetto tattico e di undici iniziale è sicuramente prematuro quando siamo ''appena'' a giovedì per uno come Cornacchini che le sue scelte le compie, comunque le rende note solo all’ora di pranzo della domenica. Finora, nelle cinque gare disputate non è mai ancata almeno una sorpresa, almeno una mossa inattesa e non ci meraviglieremmo se fosse così anche in questo fine settimana. Quando, però, la mossa a sorpresa potrebbe anche essere quella di non cambiare nulla rispetto alla volta precedente.

Qualcosa di più se ne potrà forse sapere dopo l’abituale partitella del giovedì che oggi la Viterbese giocherà sul campo della Scuola Sottufficiali e non alla Palazzina come era nel programma settimanale. La decisione è stata presa per salvaguardare il fondo dell’Enrico Rocchi (che non si presenta certo in condizioni ottimali: un po’ di manutenzione in più forse non guasterebbe) in vista dell’impegno di domenica.

Passando alla cronaca spicciola, i gialloblu hanno sostenuto ieri la tipica doppia seduta del mercoledì: al mattino tanta atletica, tra palestra e spazio a bordo campo) nel pomeriggio altrettanta tecnica e tattica sul rettangolo della Scuola Sottufficiali. Gruppo al completo, non ci sono squalificati, né fortunatamente si lamentano infortuni. Due assenze certe ci saranno invece nelle file del Renate: quella del centrocampista Palma (squalificato) e quella dell’attaccante Napoli (infortunato).






Facebook Twitter Rss