ANNO 7 n° 347
Viterbese - Livorno, mister Sottili: ''Atteggiamento positivo e volitivo''
L'emozione di Mbaye: ''Sembrava di sognare''. Sottil polemico bacchetta l'arbitro
07/12/2017 - 08:47

VITERBO - ''Spettacolo'' esordisce così Stefano Sottili in sala stampa dopo il match vinto grazie a tre goal, in coppa Italia, contro un avversario inizialmente temuto come il Livorno. ''Nel momento in cui soffrivamo di più - continua il mister - abbiamo avuto la capacità di chiuderla. Nel secondo tempo, fino al goal del 2 a 0, non mi è piaciuta la gestione del gioco. Volevo vedere gli avversari messi in difficoltà. L'atteggiamento è stato positivo e volitivo da parte di tutti: si sono aiutati e questo è lo spirito che dobbiamo coltivare e non deve mai mancare. Da lì possiamo costruire tutto''.

E' un allenatore soddisfatto che vede ancora qualche lacuna nella propria formazione, ma che ha avuto modo di lavorare grazie alla sosta: ''Abbiamo le carte in regola per diventare una ''rogna'' per gli altri. Dobbiamo diventare scorbutici. Con il turno di riposo ho avuto modo di provare giocatori che ancora non avevo visto''.

Ma le difficoltà crescono anche se è stato recuperato Jefferson: ''Aspettiamo risposte da Musacci che ha sentito dolore al ginocchio ed è dovuto uscire. Comunque era complicato fare  delle scelte perchè qualcuno, in settimana, ha avuto anche il virus influenzale come Zenuni e Mendez''. Si chiude con l'elogio a Ibrahim Mbaye che ha esordito giocando la partita perfetta: ''Bene Ibra è un ragazzo dalle grandi doti morali e dalla grande professionalità. Ha fatto davvero bene e ne sono molto contento''.

Ma non si abbassa mai la guardia: ''Però ora è finita qui: giusto essere contenti e avere consapevolezza, ma ora si ricomincia. Anche oggi, quando abbiamo iniziato ad allentare la presa, abbiamo rischiato''.

Anche il giovane Mbaye è felice e piuttosto emozionato per il suo esordio: ''Devo ringraziare i miei compagni come Celiento perché non era facile per me e mi sono stati tutti vicino. Aspettavo da tempo questa partita e ringrazio il mister per l'opportunità che mi ha dato. Quando arrivi dal settore giovanile non è facile, ma io sono sempre a disposizione. Basta allenarsi bene e aspettare il momento. Mi sembrava di sognare ma questo vuol dire che anche in campionato siamo tutti bravi. Ora torna il campionato e siamo pronti a tutto perché siamo un gruppo molto unito. Secondo posto? Perché no''.

Chi, invece, ha il morale basso e non è particolarmente soddisfatto, è l'allenatore del Livorno Andrea Sottil: ''Abbiamo fatto tutto noi. Siamo stati ingenui. Dispiace e sorvolo sull'arbitro perché i ragazzi hanno dato tutto e dispiace andar fuori in questa maniera anche per i tifosi che sono venuti a sostenerci. Si poteva fare molto meglio. C'è stata la prestazione ma non precisa e cattiva. La testa era al campionato e da domani si lavora come abbiamo sempre fatto senza pensare a classifiche e distacchi''.






Facebook Twitter Rss