ANNO 9 n° 288
''Viterbese, un sogno essere tornato''
Vegnaduzzo: ''Sono felice, ora voglio aiutare la squadra a vincere''
11/12/2015 - 18:00

di Tommaso Zei

VITERBO – ''Sono molto felice di essere tornato. Il passato è stato stupendo ma ora c’è da pensare al presente. Farò tutto quello in mio potere per dare una mano alla squadra e cercare di vincere questo campionato''.

Con queste parole si è ufficialmente aperta la terza vita in Viterbese di Matias Veganduzzo, attaccante tanto cercato (e mai dimenticato) dalla società e soprattutto dai tifosi. Il giocatore, che era gia stato presentato in fretta in furia alla vigilia del match contro il Cynthia, e subito dopo il collega Walter Alexis Invernizzi, si è presentato in punta dei piedi, consapevole che dovranno essere le presentazioni (e i gol) a parlare.

''Tornare a casa è bello ma se sul campo non dimostrerò e ripagherò la fiducia allora non sarò soddisfatto. Il gruppo mi ha accolto benissimo - ammette Vegnaduzzo - lo spogliatoio è molto unito: quello che più mi preme ora e rimettermi in condizione e poter dare una mano alla causa. Essere tornato è un sogno e motivo di orgoglio''.

Già, perché per rivedere il Tanque in campo ci vorrà un po' di pazienza. L'infortunio al ginocchio non è stato ancora smalatito, e non si può avere un data certa del rientro (si parla di fine gennaio). Anche se Vegnaduzzo scalpita: ''Sto facendo tutto il possibile per recuperare i tempi non troppo lunghi. Devo sapettare che il ginocchio si sgonfi - spiega - tempi certi non posso darli. Sperò di rientrare il prima possibile: il mio pensiero ora è solo quello di dimostrare e ripagare la fiducia della società''. 

Una volta rientrato ci sarà però tanta concorrenza ad aspettarlo. L'arrivo di Invernizzi, e le ottime prestazioni di Bernardo, confermano che la da vanti ci sarà da sudare per una maglia da titolare.

''Ma non è un problema bensì uno stimolo -  ammorbidisce Vegnaduzzo - io ora devo pensare solo a rimettermi in forma, sarà poi mister Nofri a decidere se e quando utilizzarmi''. 





Facebook Twitter Rss