ANNO 8 n° 228
Viterbese, si ferma la striscia positiva
Brutta sconfitta con la Pro Piacenza per gli uomini di Sottili che subiscono 3 gol
18/02/2018 - 17:08

VITERBO - Dopo undici partite di campionato si ferma a Piacenza la striscia positiva di Stefano Sottili. Il tecnico gialloblù, stavolta, non è riuscito ad imprimere la svolta del match ed è stato punito al di là dei suoi effettivi demeriti. Partita bloccata, decisa da una giocata e da un episodio. La giocata arriva al 38' di un primo tempo brutto che più brutto non si può, l'episodio ad inizio ripresa e condiziona, inevitabilmente, tutto lo sviluppo del secondo tempo. In dieci, con due gol da recuperare, con una squadra che ha messo undici persone dietro la linea della palla, non era facile fare due gol. La Viterbese, in inferiorità numerica, ha fatto quel che ha potuto ma si è scontrata con un autentico muro eretto da Pea. Invano Sottili ha cambiato le carte in tavola, prima ha immesso Sanè per turare la falla a sinistra, poi Di Paolantonio e Bismark per rinforzare l'attacco. A cose fatte ha sostituito Calderini con Bizzotto. Non c'è stato nulla da fare. Il Pro Piacenza ha sapientemente chiuso ogni varco meritando, alla fine, il 3-1.

Si comincia con Musetti al fianco di Abate da una parte, Atanasov per lo squalificato Rinaldi dall'altra. Primo tempo che scorre via senza sussulti particolari, Calderini prova un paio di volte ad andare via sulla sinistra ma Paramatti sembra tarantolato. La prima occasione annotata sul taccuino è del 26' quando Vandeputte crossa per il colpo di testa di Baldassin, palla altissima e primi fischi dal Garilli. Poco dopo la mezz'ora primo tiro di Musetti, al volo, verso Iannarilli, la palla, deviata da un difensore, finisce in angolo: è il primo della partita. Al 38' arriva, a sorpresa, il gol rossonero. Cavagna verticalizza per Musetti che entra in area, supera Iannarilli con un pallonetto e gonfia la rete: 1-0.

Si ricomincia con gli stessi ventidue dell'inizio. Il tempo di un caffè ed al 4' De Vito affossa Barba in area di rigore guadagnandosi il cartellino rosso e regalando al Pro Piacenza un rigore. Dagli undici metri Alessandro realizza con un cucchiaio rendendo difficilissima la rimonta gialloblù. La Viterbese reagisce. Al 7' cross in area per De Sousa che, di testa, prova a sorprendere Gori bravissimo a rispondere da par suo all'attaccante ospite. Barba è scatenato ed al 15' prova il tiro da fuori, palla deviata in angolo da un difensore gialloblù. Abate prima si vede annullato un gol per fuorigioco (18') poi salva sulla linea un colpo di testa di Di Paolantonio destinato in rete (24').

Un gol annullato ad Abate prima dell'ultimo quarto d'ora in cui la Viterbese tenta il tutto per tutto. Ma al 39' arriva anche il tris piacentino quando La Vigna sfrutta alla grande un contropiede di Musetti e mette in rete chiudendo ogni discorso sull'esito del match. Di Atanasov, al 43', il gol della bandiera, buono solo per le statistiche, ma la partita era già in cassaforte, per il Pro Piacenza, da un po' di tempo.





Facebook Twitter Rss