ANNO 7 n° 351
Viterbese, Puccica: ''Ko immeritato''
Le parole dell'allenatore rammaricato dalla sconfitta di Siena
24/04/2017 - 02:01

VITERBO - La sconfitta della Viterbese nelle parole di Lillo Puccica. Rammarico autentico perché la squadra meritava, ineludibilmente, qualcosa di più. Invece è arrivato un 3-2 evitabilissimo per errori difensivi anche gravi sia di Pini che della retroguardia cimina.

''Non meritavamo di perdere – esordisce Puccica. Nel calcio, però, chi fa più gol vince. Noi abbiamo fatto 60-65' da grande squadra, giocato un ottimo calcio. Siamo andati sotto, recuperando e passando in vantaggio. Abbiamo pagato un po', questo è vero, la condizione non ottimale di alcuni giocatori. Mi riferisco, in particolare, a Jefferson e Cenciarelli. Dispiace – prosegue Puccica – per questa sconfitta, perché questa era una giornata dove, pur essendo fuori casa, abbiamo fatto veramente bene. Quasi per 70' abbiamo avuto il pallino del gioco e del risultato. Non ricordo una parata del nostro portiere al di fuori di due uscite normalissime''.

La forza di ripartire subito. ''Il calcio è gioia, delusione, forza, la squadra deve ripartire subito. Nonostante la sconfitta ha dimostrato di essere veramente una squadra tosta e tonica. Ho avuto in questo periodo, la certezza di avere grandi uomini che già domenica faranno una grandissima prestazione''.

Play off da sesti, da settimi, da ottavi? ''Il primo traguardo, intanto, è quello di entrare nei play off. Al di là del sesto posto, il primo obiettivo resta quello, poi vengono gli altri obiettivi. La matematica non ce l'abbiamo, occorre lottare per entrare prima (rimarca la parola ndc) nei play off poi vedremo il da farsi''.

Torna sugli acciaccati, Puccica. ''Cenciarelli ha giocato 20' giovedì, si è allenato, poi si è fermato 4 giorni. Avevamo anche altre assenze, ma non è quello il motivo della nostra sconfitta. Abbiamo perso perché il calcio è così, soprattutto a questi livelli. Abbiamo commesso delle disattenzioni pagate a caro prezzo. Ma al di là delle disattenzioni, la squadra mi lascia ben sperare, perché ha fatto un'ottima partita ed ha avuto una grandissima reazione''.






Facebook Twitter Rss