ANNO 10 n° 20
Viterbese, ora serve la continuità
I gialloblu ricevono al Rocchi il Budoni: conferme per tutti, dubbio Ciaramelletti
19/10/2014 - 01:00

di Domenco Savino

VITERBO – Parola d'ordine continuità. Sembra essere questo il mantra all'interno dello spogliatoio della Viterbese. Il senso è abbastanza chiaro: continuare sulla strada intrapresa a Genzano ed evitare pericolose differenze di rendimento tra le partite e all'interno della singola prestazione che potrebbero generare dubbi sulla tenuta fisica e mentale del gruppo. Indipendentemente dall'avversario la Viterbese deve esercitarsi nello sforzo di mantenere alta la concentrazione, di mirare l'obiettivo e conquistarlo in virtù della maggiore qualità tecnica di cui dispone. Il motivo è abbastanza semplice: la squadra è in serie positiva da tre giornate (un pareggio e due vittorie) e può sfruttare un calendario abbastanza semplice (in sequenza Budoni, Sora e Astrea) almeno fino alla seconda settimana di novembre quando i gialloblu renderanno visita al Terracina (formazione che ha i mezzi per stare nella zona alta della classifica).

E allora quanto di buono fatto vedere a Genzano va ripetuto e migliorato questo pomeriggio quando al Rocchi arriverà il Budoni, squadra con il dente avvelenato dopo il rocambolesco pareggio di domenica scorsa contro il San Cesareo. ''Incontriamo una buona squadra – afferma l'allenatore della Viterbese Fabrizio Ferazzoli -. Ci sono un paio di elementi, penso a Villa e Fontanella che possono metterci in difficoltà. A centrocampo hanno Giunta che detta i tempi. E' una buona squadra e noi dobbiamo farci trovare pronti''.

Guarda sempre avanti il tecnico romano. Ormai Genzano è una tappa da archiviare: ''Abbiamo fatto una buona prestazione – spiega -: mi è piaciuto l'approccio alla partita e il modo in cui l'abbiamo condotta. Ora l'obiettivo è mantenere costante quella concentrazione quella cattiveria in tutte le altre partite. Sono convinto che a parità di cattiveria agonistica viene fuori la nostra qualità che è tanta''.

Ferazzoli torna, infine, anche sull'addio di Daniele Federici: ''Per me quella di domenica scorsa è stata una scelta tecnica. Poi il ragazzo ha affrontato il suo problema con la società. Non spetta a me fare valutazioni. Io guardo avanti e il futuro mi impone di pensare al Budoni''. Discorso chiuso.

BORSINO – La Viterbese ha effettuato ieri mattina la rifinitura: l'unico dubbio è legato alla presenza di Ciaramelletti che soffre per un problema alla spalla. Qualora non dovesse farcela è pronto Giulio Faenzi ma l'ingresso dell'ex Grosseto impone il cambio di modulo e dunque il ritorno al 4-3-3 con l'inserimento di Morini dal primo minuto per evitare di mettere sull'esterno uno tra Pippi e Saraniti. Valutazioni che il tecnico Ferazzoli porta con sè e dubbi che intende sciogliere solo nell'immediata vigilia della partita. L'utilizzo di Ciaramelletti è propedeutico per la riproposizione degli stessi undici che hanno sbancato Genzano, viceversa si cambia mudolo e – in parte – uomini. Per il resto la squadra è pronta: come previsto non ci sarà Pacciardi che, dopo la botta alla testa, ha busogno di qualche giorno per recuperare, e al suo posto farà l'esordio assoluto Giampaolo Tuniz (altro under clase '95) ex Marano e Sandonà. Pertanto gli undici che scenderanno in campo sono: Fadda, perocchi, Scardala, Gimmelli, Tuniz; Ciaramelletti (Faenzi), Nuvoli, Spinelli, Pero Nullo; Pippi (Morini), Saraniti. Arbitra Madonia di Palermo, palla al centro alle 15.

VITERBESE QUOTATA ALLA SNAI - E' possibile scommettere sull'esito di Viterbese - Budoni. La partita è una delle sfide di serie D quotata alla Snai: il successo gialloblu è dato a 1,60, il pareggio a 3,50, il blitz del Budoni a 5,00. Dalla scorsa settimana è possibile scommettere anche su alcune gare dei dilettanti e per la pirma volta tocca anche alla Viterbese.





Facebook Twitter Rss