ANNO 9 n° 78
Viterbese, l'imperativo è vincere
Contro il Castiadas i ragazzi di Sanderra a caccia di punti per risalire in classifica
04/10/2015 - 00:01

VITERBO - Non si nasconde, Stefano Sanderra, alla vigilia della sfida casalinga contro il Castiadias in programma oggi pomeriggio allo stadio Rocchi. La sua Viterbese ha un solo obiettivo dichiarato, la vittoria, per smuovere la classifica e togliere dalla testa dei suoi qualche apprensione di troppo nata dopo i tre pareggi consecutivi nelle ultime uscite.

''Un periodo così, in cui raccogliamo davvero poco rispetto a quanto produciamo - ha detto il mister alla vigilia dell'incontro con i sardi - ma dobbiamo continuare su questa strada. Stiamo giocando bene, ci sono mancati soltanto un po' di fortuna e un po' di cinismo''.

Gli avversari di turno, d'altronde, sono sulla carta quanto di meglio poteva offrire il calendario in un momento di difficoltà come questo. Fermi a un solo punto in classifica, reduci dalla sconfitta casalinga contro l'Albalonga e attualmente penultimi in graduatoria, arrivano al Rocchi senza chiaramente i favori del pronostico, tutti dalla parte dei gialloblu.

Tornerà disponibile Pomante, il difensore prelevato in estate e gravato da un mese di squalifica, ma Sanderra non dovrebbe modificare il modulo visto in campo di recente, quel 4-3-3 che offre al momento più garanzie rispetto ad altri esperimenti tattici.

I dubbi sono soprattutto in fase avanzata, dove Nohman dovrebbe ritrovare una maglia da titolare e dove l'alternativa è schierare due esterni puri (Neglia e Oggiano) o un giocatore capace di muoversi tra le linee, ruolo nel quale però i nuovi arrivi (Cuffa, Belcastro) hanno un po' deluso fin qui.

Per quanto riguarda i prossimi impegni, Nuorese-Viterbese in programma domenica prossima sarà anticipata a sabato 10 ottobre su richiesta dei padroni di casa.

C'è invece un po' di apprensione per quanto riguarda le future sgambate casalinghe dei gialloblu. Stando a quanto riportato da Viterbopost.it, la Lega pretende infatti lavori di adeguamento al Rocchi entro il prossimo 9 ottobre. 

Roba da poco, in teoria: aumentare le dimensioni dei cancelli di emergenza e piazzare una rete a protezione dell'ingresso atleti e del parcheggio destinato a squadre ospiti e arbitri. Detto così non sembra niente di che, considerando anche i tanti impegni presi dal sindaco Michelini in questa direzione.

Tutto starà ad attivarsi il prima possibile, per evitare il rischio di giocare il derby con la Flaminia in programma il 18 ottobre a porte chiuse. Per un'amministrazione che si dice pronta a investire nello sport, non sarebbe proprio la più bella delle figure. 





Facebook Twitter Rss