ANNO 9 n° 322
Viterbese, la rivoluzione può attendere
29/10/2013 - 04:00

VITERBO – Risuonano ancora le parole di Vincenzo Camilli. Quel ''prenderemo provvedimenti'' non rimarrà l’urlo di disappunto del presidente dopo una scialba prestazione. Non è piaciuta la partita, non è andato giù l’atteggiamento indolente di una squadra che avrebbe dovuto mangiarsi l’avversario e invece si è trascinata per novanta minuti. Se fino ad una settimana fa sono stati i risultati a nascondere una certa sufficienza nell’approccio, adesso che questi ultimi vengono meno i giocatori sono con le spalle al muro. Non il tecnico, a cui va data l’attenuante del poco tempo a disposizione per conoscere la squadra. Pirozzi sta iniettando a piccole dosi la sua dottrina di calcio e ha preferito non stravolgere uomini e modulo alla sua ‘prima’.

Ci saranno dei cambiamenti, ma non subito perché c’è tutto il tempo per rimediare. Comunque Camilli non le ha mandate a dire: ''Non mi faccio prendere in giro da un gruppo di viziati e opereremo sul mercato anche grazie ai consigli di Pirozzi: ci sono duecento giocatori svincolati e tanti che verrebbero di corsa a Viterbo''. Segno che verranno a fondo analizzate le prestazioni di ogni calciatore, al pari dei comportamenti dentro e fuori dal campo. Anche perché esiste un codice etico da rispettare: il gesto di De Francesco è definito ''inqualificabile, ingiustificabile e inaccettabile'' dal direttore sportivo Angelucci. Al ragazzo, che si è scusato con Pirozzi dopo aver ammesso l’errore, verrà comminata una sanzione disciplinare che dovrà essere quantificata dalla società.

CAMBIARE REGISTRO - Deve cambiare l’atteggiamento indolente di alcuni singoli (Toscano su tutti) che stanno rendendo al di sotto dei loro normali standard. Serve un bagno di umiltà: mettere da parte il fioretto e giocare di sciabola. Quella fame - di cui Vincenzo Camilli ha parlato nel post Fregene - che deve prendere il posto dei nomi. Tuttavia lo stesso Camilli ha dimostrato di conoscere il calcio e sa che questo è uno sport che un’altra occasione la offre sempre. In fondo è successo anche al Rieti: in quindici giorni si è ritrovato da inseguitore ad essere inseguito ed sempre meglio la seconda opzione. I sabini hanno rosicchiato quattro punti ai gialloblu, ma domenica si recano sul campo de Grifone Monteverde (che a Viterbo ha destato un’ottima impressione).

IL CALENDARIO AIUTA - Camilli ha ragione quando dice che ''il campionato è lungo'': non deve passare il messaggio che alla Viterbese serva una vasta rivisitazione della rosa. Servono, invece, dei correttivi, soprattutto a centrocampo per dare maggiori geometrie e corsa a una squadra che morde poco e fa girare ancor meno la palla. Con il risultato di affidarsi al lancio lungo con la conseguenza di andare con frequenza in fuorigioco. E la gara contro il Fregene è stata la riprova della necessità di un bagno di umiltà da parte di tutti: dalla società ai giocatori, forse già troppo sicuri di aver vinto in partenza.

E invece il calcio si è messo di traverso, presentando il conto. Ma non tutto è perduto: nel prossimo mese la Viterbese giocherà cinque partite (tre in trasferta e due in casa) contro Montefiascone, Montecelio, Monterosi, Empolitana e Città di Monterotondo. Avversari alla portata di un gruppo che sta rischiando di incartarsi. Pirozzi ha dato l’impressione di aver capito dove è l’errore: al termine della conferenza stampa di domenica ha detto ''Non vi preoccupate, ci riprenderemo''. Se il pareggio contro il Fregene sarà analizzato a dovere, potrà essere molto istruttivo.

LA CLASSIFCA DEI MARCATORI

7 GOL: Cerone (Viterbese Castrense)

5 GOL: Toscano (Viterbese Castrense); Spaziani (Futbolclub)

4 GOL: Bentivoglio (Cerveteri); Artistico, Garat e Pezzotti (Rieti); Meloni e Ianni (Villanova); Morelli (Grifone Monteverde); Federici (Monterotondo Calcio); Cesaro (Empolitana)

3 GOL: Pacenza e Federici (Viterbese Castrense); Andreoli e Maestà (Nuova Sorianese); Brancati e Pascucci (Fonte Nuova); Spanò (Futbolclub); Paoloni e Ingrosso (Caninese); Ponzio (Ladispoli)

2 GOL: De Francesco e Pero Nullo (Viterbese Castrense); Maimone (Empolitana); Giuffrida e Leone (Civitavecchia); Gravina (Ladispoli); De Lucia (Nuova Sorianese); Roccisano (Caninese); Montepaone (Fregene); Barile (Futbolclub); Mereu e Rocchi (Montecelio); Cavallaro (Città di Monterotondo); Iannotti e Sargolini (Grifone Monteverde); Vittori e Calevi (Montefiascone); Sabatino Rieti); Agostino (Fregene); G. De Dominicis (Monterotondo Calcio); Crisostomi, Bertino e Silvestrini (Montecelio)

1 GOL: M.Marini (Viterbese Castrense); Troili e Goretti (Caninese); Temperini e Pagnanelli (Grifone Monteverde); Mattoni, Giordano e Palmerini (Fonte Nuova); Santori, Tonga e Marini (Villanova); Cervini, Giacani e Di Cesare (Empolitana); Macellari, Chianelli, Bevilacqua e Midulla (Futbolclub); Fiorucci, Maresca e Barbetti (Monterotondo Calcio); Flauto, Bellacima e Cesarini (Montefiascone); Luciani, Monteforte, Lazzarini, Pollini e Faina (Nuova Sorianese); Malinconico, Ferri, Franchitti, Torroni e Borgognoni (Real Monterosi); Petronilli e Mannozzi (Ladispoli); Lamback e Federici (Città di Monterotondo); Fiorini, Franceschini, Nanni e Tartaglione (Fregene); Elisei, Sacripanti e Romagnoli (Civitevecchia); Longo e Gay (Rieti); Di Chiara, Paraschiv, Chierico, Di Giacinto e Lelli (Cerveteri); Marvelli (Ladispoli).





Facebook Twitter Rss