ANNO 9 n° 325
Viterbese, il primato spiegato dai numeri
Gialloblu in serie positiva da sette turni e la società è sempre più ambiziosa
15/01/2014 - 00:00

di Domenico Savino

VITERBO – Ora il primato va difeso e rafforzato. Scrollandosi di dosso la concorrenza e vivendo d’un fiato il girone di ritorno. La Viterbese campione d’inverno che guarda tutti dall’alto (in condominio con il Rieti) può iniziare a stilare un bilancio della prima parte di stagione. Innanzitutto i numeri certificano il primato: fredde cifre che rendono la tara del nuovo corso gialloblu. Poi il mercato, che nel mese di dicembre ha profondamente rinnovato la squadra. Si è operato chirurgicamente nei ruoli decisivi: un portiere, un difensore, un centrocampista, due attaccanti per costruire la nuova spina dorsale della squadra. Quindi sono stati aggiunti tasselli che hanno rafforzato la corazza (Gubinelli e Kacka su tutti). Si attende l’ultimo colpo: un under classe ’96 (da scegliere tra un portiere o un giocatore di movimento da utilizzare come difensore a sinistra).

CIFRE DA REGINA - Tuttavia sono le cifre che impongono una profonda analisi. La squadra (da quando è rientrato Solimina, in panchina contro l’Empolitana il 24 novembre) non perde da sette turni (se si aggiunge la Coppa, il totale fa dieci tra quarti e semifinale), ha rimontato il gap di cinque lunghezze dal Rieti, guarda al futuro con rinnovata fiducia. La difesa ha eretto il muro: Boccolini ha effettuato le prime vere parate solo domenica scorsa quando si è superato in due occasioni su Palmieri e Ianni. Sia a Civitavecchia che nel big match contro il Rieti l’ex guardiano del Civitavecchia è stato spettatore non pagante.

Guardando alle ultime sette gare i gialloblu hanno segnato dodici reti, subendone solo quattro: complessivamente la Viterbese è il miglior attacco del girone (43 centri) e la terza difesa (due reti in più dell’ermetico Villanova). Cerone è il capocannoniere (10 gol), ma la squadra è una cooperativa del gol con dieci giocatori andati a segno a cui vanno aggiunti coloro che non fanno più parte della compagnia (Toscano, De Francesco, Ingiosi).

Dopo gli impacci dell’interregno di Pirozzi, la squadra ha ripreso a correre: lo ha fatto consapevole delle pecche che stavano minando il cammino e ha imparato dagli errori. Percorso parallelo lo ha compiuto la società che ha fatto mea culpa. La gente ha capito e sta apprezzando gli sforzi. Le presenze allo stadio stanno aumentando e la festa post Civitavecchia è la riprova di un entusiasmo mai sopito. Anche i numeri stanno dando ragione: non resta che proseguire sul solco tracciato.

BILANCIO DEI PRIMI QUATTRO MESI – Un intervallo di tempo vissuto tra il primo e il secondo posto, tre allenatori cambiati, due esoneri, oltre trenta giocatori utilizzati, una squadra rivista profondamente nel mercato di gennaio alla quale è stato dato un altro volto, due direttori sportivi che si sono alternati (e un direttore generale arrivato a dicembre), rapporti non sempre idilliaci con l’amministrazione comunale (gestione stadio argomento del contendere). E poi c’è la Coppa Italia, obiettivo dichiarato: la Viterbese è in semifinale: ha pareggiato in casa contro il Ladispoli e deve fare una grande gara al ritorno per guadagnarsi la finale (vincere o pareggiare con più d’un gol).

I grandi risultato si ottengono anche con prestazioni di ottimo livello. L’avvento della famiglia Camilli ha cambiato il modus operandi in via della Palazzina. C’è una società che decide d’impeto e non si fa prendere dalla paura di azzardare: commette degli errori, ma poi rimedia facendo pubblica ammenda. In questo senso si nota un’inversione di tendenza rispetto all’inizio del campionato. La società cresce di pari passo con la squadra. Una squadra che mira in alto ha bisogno di una società altrettanto ambiziosa. E di certo la paura di vincere non alberga in via della Palazzina.

LA CLASSIFCA DEI MARCATORI

10 GOL: Cerone (Viterbese Castrense); Maestà (Nuova Sorianese)

9 GOL: Artistico (Rieti)

8 GOL: Toscano (Città di Monterotondo/Viterbese); Goretti (Caninese)

7 GOL: Cesaro (Empolitana); Bertino e Mereu (Montecelio); Spaziani (Futbolclub); Federici (Monterotondo Calcio);

6 GOL: Barile (Futbolclub); Agostino (Fregene); Pascucci (Fonte Nuova); Garat (Rieti)

5 GOL: Federici (Viterbese Castrense); Paoloni (Caninese); Bentivoglio (Cerveteri); Romagnoli (Civitavecchia); Iannotti (Grifone Monteverde); Ponzio, Gravina e Bacchi (Ladispoli); Pezzotti e Cardillo (Rieti); Meloni e Ianni (Villanova); Ingrosso (Caninese/Monterosi); De Francesco (Città di Monterotondo/Viterbese)

4 GOL: Sabatino (Rieti); Morelli (Grifone Monteverde); Pacenza (Viterbese Castrense); Ferri e Borgognoni (Real Monterosi); De Lucia (Nuova Sorianese); Spanò (Futbolclub); Palmerini e D'Ovidio (Fonte Nuova); Sansotta, Severini e Silvestrini (Montecelio); Giuffrida (Civitavecchia/Sorianese); Andreoli (Nuova Sorianese/Real Monterosi); Nanni (Fregene)

3 GOL: Pero Nullo e M. Marini (Viterbese Castrense); Brancati (Fonte Nuova); Rocchi (Montecelio); G. De Dominicis (Monterotondo Calcio); Elisei e Leone (Civitavecchia); Berardi (Ladispoli); Grimaldi, Serafini e Cesarini (Montefiascone); Fiorini (Fregene); Chierico, Paraschiv e Di Chiara (Cerveteri); Amassoka e Monteforte (Nuova Sorianese); A. Luciani (Fregene/Sorianese); M. Luciani (Real Monterosi); Ferri (Città di Monterotondo); Midulla (Futbolclub)

2 GOL: Maimone (Empolitana); Panunzi (Civitavecchia); Roccisano (Caninese); Montepaone (Fregene); Prosperi, Cavallaro e Petrangeli (Città di Monterotondo); Mancini, Sargolini (Grifone Monteverde); Nami, Vittori e Calevi (Montefiascone); Minelli, Crisostomi e Berardi (Montecelio); Marini L. (Villanova); Tafi (Fregene); Fiorucci (Monterotondo Calcio); Torroni e Franchitti (Real Monterosi); Ruggiero e Franceschi (Grifone Monteverde); Gay e Ingiosi (Rieti); Giannone (Viterbese Castrense); Panico (Futbolclub); Totino (Ladsipoli); Moretti (Fonte Nuova)

1 GOL: Gubinelli, Vegnaduzzo, Giurato, Faenzi (Viterbese Castrense); Chiaranda, Troili e A. Ferri (Caninese); La Ruffa, Esposito, Iovino, Temperini e Pagnanelli (Grifone Monteverde); Muratore, Pesce, Capogreco, Mattoni e Giordano (Fonte Nuova); Petrella, Persichetti, Giampaolo, Santori e Tonga (Villanova); Suppa, Deodati, Moauro, Rotariu, Cervini, Giacani e Di Cesare (Empolitana); Rosati, Maestrelli, Macellari e Chianelli (Futbolclub); Ceccarini, Lutchner, Proietti, Flauto e Bellacima (Montefiascone); Kanku, Lazzarini, Pollini e Faina (Nuova Sorianese); Malinconico (Real Monterosi); Marvelli, Petronilli e Mannozzi (Ladispoli); Laurentini, Italiano, Lamback e Federici (Città di Monterotondo); Ascenzi, Di Ianni, Laurato, Franceschini e Tartaglione (Fregene); Paolini e Sacripanti (Civitevecchia); D’Andrea, Mariani e Longo (Rieti); Cecaloni, Giorgi, Abis, Di Giacinto e Lelli (Cerveteri); Albanesi (Monterotondo Calcio).





Facebook Twitter Rss