ANNO 7 n° 88
Viterbese, il mercato
stenta a decollare
I gialloblu, dopo aver salutato Mallus
e Ansini, cercano il primo colpo
06/01/2017 - 02:01

Di Stefano Renzo

VITERBO – Sarà nella calza della Befana il primo rinforzo della Viterbese che ieri, dopo Mallus, ha salutato un altro giocatore, Daniele Ansini. Sperare è lecito, anche se il silenzio assordante che arriva da via della Palazzina potrebbe lasciare intendere una situazione di stallo dalla fine difficilmente prevedibile. Intanto, ieri sera è uscita la notizia secondo la quale la società di Camilli sarebbe sulle tracce dell’attaccante Alessandro De Vena, 1992, nove reti in 23 presenze, tra campionato e coppa, nella prima parte della stagione con la maglia del Melfi.

Il mercato che si è aperto martedì si sta rivelando difficile, un po’ come gli esperti del settore avevano previsto. Lo si deduce dalle poche, pochissime, trattative finora portate a termine, in Lega Pro si contano sulle dita di un paio di mani le società che sono già riuscite ad annunciare un movimento di mercato, sia esso in entrata che in uscita. Colpa di una situazione economica in generale non particolarmente florida, e può anche essere che in tale frangente nessuno se la senta di prendere decisioni affrettate o a cuor leggero, preferendo rinviare il tutto magari agli ultimi giorni del calciomercato che, ricordiamo, chiude questa finestra invernale il prossimo 31 gennaio.

Questo uno sguardo alla situazione nel complesso, uno stato di fatto cui non sfugge la Viterbese che fino ad oggi si è limitata ad annunciare la rescissione di due contratti. Quello con Marco Mallus, il difensore che è sbarcato a L’Aquila, in serie D, e che domenica sarà a disposizione del suo nuovo tecnico, Massimo Morgia, nella trasferta di Monterosi, per uno scontro d’alta classifica che può valere il primato del girone G, e quello di Daniele Ansini, un under che probabilmente avrà trovato una destinazione che gli permetterà di giocare di più di quanto non abbia fatto a Viterbo nella prima parte della stagione. Per il resto letteralmente niente che possa scaldare l’animo della tifoseria, finora tante chiacchiere, quelle tipiche di ogni calcio mercato, frutto di mezze parole, abboccamenti, dichiarazioni di interesse, sondaggi, timide proposte che poco debbono ancora aver fruttato alla società gialloblu per consentirle di formalizzare qualche acquisto.

E mentre Abou Diop è diventato il gialloblu più ricercato (stando alle notizie rimbalzate ieri, se lo contenderebbero Catanzaro e Matera), sembra si sia raffreddata anche la pista che portava a Reggio Emilia per quella che sembrava la trattativa meglio avviata se non già conclusa: quella per l’esterno offensivo Luigi Falcone che adesso sarebbe seguito anche dal Sudtirol. Dall’Emilia, ieri, sulle colonne di TuttoLegaPro, hanno tenuto a precisare che ''si tratta soprattutto di sondaggi che non hanno portato a nulla di concreto finora, ma che in futuro potrebbero trasformarsi in qualcosa di più, specie per Falcone che attualmente sembra il solo che potrebbe partire per il poco spazio trovato finora in campionato. Servirà, però, un’offerta vantaggiosa per tutte le parti, altrimenti anche l’ex Catania continuerà alla Reggiana fino al termine della stagione''. Trattativa interrotta o piuttosto un messaggio neanche tanto cifrato? Da seguire eventuali sviluppi, come si dice in queste circostanze.






Facebook Twitter Rss