ANNO 9 n° 232
Viterbese, i numeri di una leggenda
Tutte le cifre della stagione gialloblu: un girone di ritorno straordinario
10/05/2016 - 02:00

di Stefano Renzo

VITERBO – Tutti i numeri della Viterbese. Tutti i numeri di una stagione finita in trionfo malgrado un inizio non proprio brillantissimo. Un campionato ''macchiato'' da 2 sole sconfitte (entrambe per 1-0): la prima nella gara di esordio ad Ostia, l’altra alla diciassettesima giornata, ad Arzachena. Due battute d’arresto che non impediscono a quella gialloblu di essere comunque la squadra meno battuta del girone G, che tuttavia evidenziano la differenza di rendimento tra girone di andata (33 punti conquistati) e quello di ritorno (43 punti, 17 domeniche consecutive senza sconfitta, altro record). 76, quindi, i punti conquisti in 34 gare (2,23 a partita, di media) che naturalmente sono il massimo del raggruppamento, 8 i punti di vantaggio sulla seconda (il Grosseto), addirittura 14 sulle terze (Torres, Rieti ed Olbia).

Leggi le pagelle della stagione su Viterbopost.it

Girone di ritorno da enciclopedia del calcio, quindi, con una serie di 17 gare utili (13 successi, 4 pareggi), 7 vittorie consecutive, 7 gare senza subire gol, 2 soli mezzi passi falsi, se vogliamo, che, anche esageratamente, fecero suonare molti campanelli d’allarme: i pareggi di Castiadas (2-2) alla sesta giornata ed il 3-3, recentissimo, con il Cynthia all’Enrico Rocchi. Una cavalcata degna di applausi, praticamente sempre in testa alla classifica, un trend iniziato già a metà della fase di andata, allorché il lavoro di Federico Nofri ha cominciato a dare frutti copiosi, come la serie di 5 vittorie consecutive (tra la 12^ e la 16^ giornata) ed il perentorio recupero sulle squadre che la precedevano in classifica.

I numeri della Viterbese dicono anche che è la squadra del girone che ha ottenuto il maggior numero di vittorie (22), quella che ha vinto di più in casa (14 volte, come la Torres), “solo” la seconda in quanto a vittorie (8) in trasferta dove ha ottenuto più pareggi di ogni altra (7, come il Lanusei); l’Enrico Rocchi, così come quello della Torres, è l’unico campo del girone che non ha subito l’onta della confitta, l’attacco gialloblu per gol realizzati (67, 43 dei quali in casa) è secondo solo a quello del Grosseto (71), mentre la difesa (24 reti subite, 9 sul proprio campo) è la meno battuta del girone, la quinta meno perforata di tutta la serie D.

Ed ancora, nello specifico, la Viterbese che chiude la stagione con 45 punti conquistati in casa e 31 in trasferta, nel corso del campionato ha visto sulla sua panchina 2 allenatori con Federico Nofri subentrato a Stefano Sanderra alla 7^ giornata, ed ha utilizzato 29 giocatori (Pini l’unico con 34 presenze, Pace quello con 1 solo gettone). 98 le sostituzioni operate, 3 le espulsioni subite (Fè, con il Lanusei, Scardala a Muravera, Nuvoli ad Arzachena), 2 gli allontanamenti del tecnico dalla panchina (a Genzano ed a Civitacastellana) con altrettante squalifiche, 9 le squalifiche subite dagli 8 giocatori puniti nel corso dell’anno. Sono stati invece 19 i gialloblu che sono riusciti ad andare in gol, con Neglia e Bernardo che chiudono in doppia cifra, 10 gol ciascuno. Da notare che Invernizzi, 9 reti per lui, altrettanti ne aveva realizzati con la Sangiovannese nelle file della quale ha giocato fino a dicembre. Sempre a proposito di gol, sono stati 11 i rigori fischiati a favore della Viterbese (2 dei quali sbagliati: da Bernardo ad Arzachena, da Belcastro a Budoni), e 6 quelli assegnati contro (2 dei quali sbagliati: ad Arzachena e ad Olbia). In 22 partite, la Viterbese è andata in vantaggio per prima e in 2 di queste gare si è fatta recuperare il vantaggio (a Grosseto e ad Olbia). In 8 partite, invece, i gialloblu sono andati in svantaggio: in 6 occasioni sono riusciti a recuperare, 2 volte invece no: ad Ostia e ad Arzachena, naturalmente. La vittoria più rotonda, il 5-0 con l’Astrea nel girone di andata ed è sempre 5 il numero dei gol realizzati un una partita (la seconda volta il 5-3 del successo sul campo dell’Albalonga). E’ di 3, infine, il maggior numero di gol subiti in una gara: quelli del successo sul campo dell’Albalonga e quelli del pareggio interno con il Cynthia.





Facebook Twitter Rss