ANNO 9 n° 345
Viterbese, fai un altro passo verso la C
Contro il Muravera al Rocchi oggi l'occasione di avvicinarsi di più al trionfo finale
10/04/2016 - 02:00

di Stefano Renzo

VITERBO – Per la Viterbese un’altra tappa di avvicinamento al trionfo finale. Per i gialloblu di Federico Nofri la possibilità di compiere un altro passo in avanti verso la serie C. Basta battere il Muravera, impresa che sulla carta non sembra proibitiva, anche se è consigliabile diffidare degli impegni che si preannunciano facili, specie in questo scorcio di stagione in cui le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

Dicono, a ragione, che questa Viterbese ha finora dimostrato di essere la migliore squadra del lotto, un gruppo che eventualmente deve temere solo se stesso. Dicono pure che in settimana è stata registrata troppa euforia nell’ambiente gialloblu ed anche nelle file della squadra.

Certo, il morale è alto, tipico per una capolista che sta ottenendo risultati esaltanti e che ora vede il trionfo a portata di mano, ma è anche vero che Nofri e l’intero staff che collabora con lui hanno lavorato sodo anche questa settimana, pronti a stimolare gli uomini ma anche a riportare con i piedi per terra chi eventualmente possa aver mostrato eccessi di sicurezza.

Il Muravera che in classifica accusa ben 34 punti di distacco dalla Viterbese va valutato non solo per questa differenza numerica ma anche per quello che è. Una squadra giovane (abitualmente propone cinque o sei under nell’undici di partenza) dove comunque non mancano gli elementi maturi e di esperienza, specie della categoria, per una compagine che nel corso della stagione a volte ha dato a vedere di potersela giocare con avversari anche più quotati.

Il girone di ritorno dei gialloblu (anche loro) sardi, sul piano dei risultati non è stato esaltante: una sola vittoria, tre pareggi e sei sconfitte nelle prime dieci giornate, prima delle due recentissime vittorie consecutive (3-1 sull’Astrea, domenica, e 2-0 sul campo del Cynthia mercoledì) che hanno ridato classifica e spirito alla squadra allenata da Marco Piras, il quale in questo fine settimana ha fatto professione di umiltà affermando che con la Viterbese sarà quasi impossibile cercare il tris.

Federico Nofri sorride, con rispetto, alle parole del suo omologo, ma il suo impegno primario è volto ad individuare l’undici migliore per poter archiviare il prima possibile e nel miglior modo anche la pratica odierna. Non ci sono squalificati nelle file della Viterbese ed i dubbi legati a problemi fisici riguardano, è noto, Invernizzi e Pandolfi. Le alternative non mancano al tecnico perugino che eventualmente accusa i piacevoli problemi di abbondanza. Staremo a vedere se per battere la resistenza di un avversario che probabilmente sarà più propenso a distruggere il gioco dei padroni di casa più che a costruire il proprio, proporrà ancora una volta il 4-3-1-2 o se magari si affiderà ad un centrocampo a quattro. Diciamo quindi che le due squadre potrebbero presentarsi così in campo.

VITERBESE: Pini, Perocchi, Pomante, Scardola, Pacciardi (Fé), Ansini, Selvatico, Cuffa; Belcastro (Boldrini); Bernardo, Neglia.

MURAVERA: Arrus, Baone (Massessi), Vignati, Cappai, Contu, Sogus, Sillah, Satta, Dessena, Nurchi, Cotza.

ARBITRO: Luigi Santorelli (Salerno). Savino (Torre Annunziata) e Di Lauro (Frattamaggiore)





Facebook Twitter Rss