ANNO 9 n° 290
Viterbese, dita incrociate per Michele Boldrini
Oggi test decisivi per l'esterno gialloblu. Migliora Belcastro, Vegnaduzzo col gruppo
11/02/2016 - 02:00

VITERBO – Con un vento di silenzio stampa ancora poco chiaro (e di fatto non confermato ufficialmente con una nota dalla società), la Viterbese prosegue la preparazione in vista del delicato match interno di domenica che vedrà di scena al Rocchi la Nuorese. Il pari contro il Castiadas, come preventivabile, ha rilasciato sgradevoli postumi in tutto l'ambiente, visto sicuramente meno sereno alla ripresa degli allenamenti martedì, dove è intervenuto anche il patron Piero Camilli che ha voluto parlare con la squadra. Il momento è caldo (nonostante le temperature), e l'intero direttivo gialloblu presente sul campo di casa martedì scorso la dice lunga di che aria si resipiri adesso nel quartiere generale di via dela Palazzina.  

Passando al campo, quella di oggi sarà una giornata decisiva per capire bene la condizione di Michele Boldrini. L'esterno, che già aveva accusato qualche problema alla caviglia prima del match in Sardegna, dove poi è stato costretto a uscire a metà gara proprio per lo stesso fastidio, al momento resta in dubbio per il prossimo match. Nei giorni scorsi, l'ex Lupa Roma, ha effettuato solo lavoro in palestra, sotto lo sguardo dello staff medico, per non rischiare di sovraccaricare la caviglia dolorante. Nella giornata odierna si potrà avere un quadro più chiaro, anche se questo, molto probabilmente, sarà un nodo che verrà sciolto a ridosso della vigilia. Decisamente diversa, invece, la situazione che riguarda Luca Belcastro. Il trequartista, costretto a uscire dopo appena venti minuti di gioco col Castiadas, sembra aver superato i problemi sempre alla caviglia. E per domenica dovrebbe essere disponibile. Continua a correre insieme al gruppo anche l'attaccante Matias Vegnaduzzo. Per El Tanque argentino, spinto forte dai tifosi gialloblu che vorrebbero vederlo in campo il prima possibile, questa pare possa essere la settimana giusta, almeno per una convocazione in panchina.

Per adesso, sembra annullata la consueta conferenza stampa del venerdì, dunque per la Viterbese sarà solo il campo a parlare. Una situazione, questa del silenzio stampa, che potrebbe capovolgersi magari con una vittoria domenica. 





Facebook Twitter Rss