ANNO 10 n° 52
Viterbese, contro il Cynthia vietato fallire
Per restare a -4 dalla Lupa
22/02/2015 - 01:01

di Tommaso Crocoli

VITERBO - Vincere sempre, vincerle tutte. A partire da oggi, quando la Viterbese Castrense riceverà la visita del Cynthia, squadra che dal Rocchi, nel recente passato, è uscita sempre imbattuta. Match che nasconde più di un'insidia, dunque, ma che i gialloblu non possono permettersi di fallire.

La Lupa Castelli Romani, impegnata ieri nell'anticipo contro il Sora, ha infatti allungato momentaneamente in classifica a +7. In dieci all'intervallo per l'espulsione del giovane centrocampista ucraino Kosovan, la capolista si è imposta per due a zero grazie alle reti di La Cava, già giustiziere della Viterbese mercoledì scorso, e di Siclari su calcio di rigore. 

A questi ritmi, per poter coltivare ancora qualche sogno di promozione diretta bisognerà inanellare un successo dopo l'altro, senza troppi calcoli. Di fronte, la formazione di Ferazzoli si troverà un undici in un buon momento di forma, trascinata dal bomber Delgado. Gli uomini di Rughetti vengono infatti da due successi consecutivi contro Palestrina e Arzachena, seguiti dall'incontro con l'Aprilia sospeso per un malore accusato dall'arbitro.

''Sarà una partita difficile, da non sottovalutare - spiega Ferazzoli - ma noi abbiamo l'imperativo di conquistare i tre punti e ci proveremo fino alla fine. In settimana tra i ragazzi c'era rammarico per quanto successo a Rocca Priora, con quell'errore di Dalmazzi che ha spianato la strada al pareggio della Lupa. Ma la partita ha dimostrato anche che non siamo inferiori ai capitolini: siamo tornati a Viterbo più forti di prima e lo dimostreremo in campo''.

Probabile la conferma quasi totale dell'undici visto in campo quattro giorni fa. Il mister non pare intenzionato a fare scelte per preservare i diffidati, lista nella quale rientrano anche Pippi, Pero Nullo e Saraniti. ''La partita più importante, di volta in volta, sarà quella in calendario. Calcoli non ne faremo, giocheranno sempre i più in forma''.

Solita retroguardia con Tuniz, Dalmazzi, Perocchi e Scardala a protezione di Fadda, solita coppia in mediana composta da Giannone e Nuvoli. I dubbi restano più che altro sulla batteria di incursori: Pero Nullo, in crescita sotto il profilo atletico, dovrebbe partire di nuovo dall'inizio. Dall'altra parte il ballottaggio riguarda Oggiano, volenteroso ma poco incisivo a Rocca Priora, e Neglia, in gran spolvero nelle ultime giornate. Accanto a Saraniti, c'è l'incognita Pippi: uscito per crampi mercoledì, il brasiliano è stato il trascinatore dei gialloblu nelle recenti apparizioni. Se Ferazzoli avrà le giuste garanzie sul piano fisico, difficilmente rinuncerà al suo bomber con licenza di uccidere.





Facebook Twitter Rss