ANNO 8 n° 344
Verrà intitolato al maresciallo Bartoli il piazzale alla Folgore
La cerimonia il 9 dicembre
06/12/2018 - 09:21

VETRALLA - (D.V.) Lui è Andrea Bartoli, maresciallo della Guardia di Finanza, nato a Vetralla, allenatore di Atletica Leggera laziale, Tecnico del gruppo sportivo Fiamme Gialle di Ostia per le specialità di mezzofondo e fondo, e responsabile della Nazionale Italiana di Maratona Femminile. Morto lo scorso settembre all'età di 78 anni mentre faceva la consueta passeggiata nel bosco della Folgore a Vetralla. E proprio a lui, per i suoi grandi meriti, il 9 dicembre il comune organizzerà un evento durante il quale gli verrà intitolata l'area antistante la chiesa della Folgore. Al suo attivo Bartoli ha il primo titolo conquistato nel 1985 ai campionati mondiali militari di Cross(mai conquistato prima in Italia) e bissato due anni dopo, 2 medaglie d'oro ai campionati mondiali militari di Maratona (Ostia 1986 con Salvatore Nicosia e Roma 1995 con Francesco Ingargiola) 1 medaglia d'argento alle universiadi di Maratona (Kobe 1985 con Salvatore Nicosia) 1 medaglia di bronzo ai mondiali di mezza maratona junior (Francesco Ingargiola) 1 medaglia d'argento nei 1.500 metri alle Universiadi (Fukuoka 1995 con Andrea Giocondi) 1 coppa del mondo a squadre di maratona (Seul 1987 con Salvatore Nicosia) 1 vittoria al golden gala di Roma, meeting IAAF del Gran Prix (1995 Andrea Giocondi) 7 posto nella finale ai campionati del mondo degli 800 m di Goteborg nel 1995 (Andrea Giocondi) e 4 posto assoluto ai campionati europei di Cross (nel 2001 a Thun in Svizzera, sfiorando uno storico podio con Gabriele De Nard) Un grande valore speso in ambito sportivo quello di Andrea Bartoli. Un cittadino che ha dato lustro al Comune con la sua brillante carriera che ebbe inizio nel 1972, con la conquista della tessera Fidal da istruttore per poi diventare negli anni Tecnico Internazionale. Bartoli inizia a seguire il settore giovanile della Fiamme Gialle G.Simoni (appartenendo orgogliosamente all'arma della Guardia di Finanza dove consegue il grado di Maresciallo Capo) per poi entrare nel mondo del professionismo, affiancando il suo amico e mentore Oscar Barletta. Sarà però la sua amicizia fraterna con il campione Franco Arese a far capire al maresciallo che il mondo del professionismo sarebbe diventata la sua strada. Il suo palmares da allenatore è vastissimo per risultati conseguiti ed atleti allenati nel corso degli anni, oltre all'atletica leggera, ha prestato il suo contributo a sportivi di altre discipline come la boxe e il tennis. Andra Bartoli per chi lo ricorda, è stato un allenatore atipico, il suo modo sanguigno, ma sempre solare e onesto lo ha fatto diventare una specie di icona dell'intero movimento, si definiva 'Etrusco' ma sarà con l'appellativo di Capo che verrà ricordato, oltre che per la sua acerrima lotta a qualunque genere di pratica dopante, battaglia che però lo penalizzerà non poco nella sua comunque splendida carriera.

L'evento che il Comune di Vetralla ha organizzato per il 9 dicembre nei pressi del bosco della Folgore, strada provinciale 41 direzione Blera, non sarà una semplice intitolazione di un piazzale, ma un campus con giro d'onore dei campioni seguiti da Bartoli nella sua carriera, e a seguire una gara giovanile (650 m) con un prezioso premio per i primi 50 atleti classificati: una medaglia di bronzo simbolo dell'umanità, coniata dalla zecca poligrafica dello stato in occasione del giubileo 2000. La manifestazione avrà per titolo 'Cross Andrea Bartoli' (edizione zero). Gli organizzatori fanno sapere che l'iscrizione è gratuita e che tutti gli sportivi, appassionati e amatori sono invitati a partecipare e potranno farlo iscrivendosi all'evento il giorno della gara fino alle ore 9.00 oppure tramite mail all'indirizzo: dimarcosport@libero.it. Sarà una bella occasione di incontro e di ricordo.






Facebook Twitter Rss