ANNO 8 n° 198
Una new entry per il Club Lions Civita Castellana Falerii Veteres durante la Charter Night
Presentato dal Presidente Silvano D’Ascanio e omaggiato del fregio dal Governatore Rocco Falcone, entra a far parte della famiglia Lions il commercialista Bruno Franci
Serena
18/12/2017 - 14:19
di Serena D'Ascanio

CIVITA CASTELLANA - Come consuetudine e tradizione, la celebrazione della Charter Night dei Lions di Civita Castellana Falerii Veteres e Leo Club, ha avuto inizio con il tocco della campana da parte del presidente Silvano D’Ascanio.

La Charter Night, svoltasi mercoledì 13 dicembre, rappresenta la ricorrenza e l’anniversario dell’associazione. La serata svoltasi in compagni dei numeri soci – amici Lions presso l’Aldero Hotel, ha voluto e preteso la presenza del governatore Rocco Falcone, del 1° Vice Governatore Leda Puppa, del Segretario Distrettuale Silverio Forteleoni, del Cerimoniere del Lazio Maurizio Simonetti, del Presidente della 5a Circoscrizione Elisa De Bartolo, del Presidente di Zona B Salvatore Iannì, del Presidente della Zona B 2a Circoscrizione Fabrizio Carmenati, Presidente Distrettuale Leo Francesco Perrella, Vice Presidente Distrettuale Leo Liliana Mazzolini, responsabile scambi giovanili Sandra Becostrino, coordinatore distrettuale Lions Guida Cesare Morgia, Maria Emanuela Costantini, Alessandro Masella, Coordinatore Ufficio Stampa Distrettuale Leo Arianna Perna, Presidente del LC Campagnano Mazzano Romano Serenella Proietti Panzini, il Luogotente della Compagnia Carabinieri di Civita Castellana Pietro Greco, la professoressa Isabella Bordi.

Il Consiglio Direttivo del Club ha scelto questo giorno speciale per investire della qualifica di Socio questo nuovo amico: il commercialista Bruno Franci.

“Tu Bruno stai per entrare a far parte del più grande sodalizio di servizio al mondo, forte di oltre 1.450.000 soci, suddivisi in uomini e donne dislocati in oltre 210 paesi e aree geografiche nel mondo. Tu sei stato invitato perché giudicato meritevole di tale onore, avendo dimostrato finora di possedere qualità morali ed intellettuali di preminenza, congiunte alla capacità ed alla volontà di offrire tali doti al servizio dell’umanità.”

Queste le parole del presidente Silvano D’Ascanio verso il nuovo socio Bruno Franci, il quale è stato omaggiato del guidoncino del club e del distintivo di socio del centenario, appuntato al petto dal governatore Rocco Falcone.

Durante la conviviale il governatore ha illustrato il proprio guidoncino con passione ed amore, ricordando sua moglie, ha esposto i suoi pensieri su ciò che dovrebbero fare e come dovrebbe realmente essere un club Lion. “ Abbiamo una cosa che ci contraddistingue dagli altri: la parola. Parliamo delle problematiche che ci circondano, facciamo ciò di cui siamo capaci, comunicare.

A volte capita di trovare club disuniti ma occorrerebbe invece la massima coesione per risolvere i problemi. Dobbiamo quindi comportarci da Lion, essere sinceri, praticare e rispettare il codice, applicarlo e seguire gli scopi del lionismo, fondamentale coltivare l’amicizia. Dovremmo occuparci di qualcosa che forse si è assopito nel tempo, si tratta dell’orgoglio che ci fa sentire utili, che ci consente di portare avanti una certa azione incisiva, non l’ostentare il fregio dei Lion. Il motto lionistico è We Serve. Serve sia il cuore che la mente. E’ il noi che ci fa raggiungere risultati. Siamo noi con la nostra azione che portiamo aiuto a chi è meno fortunato. Questo è l’obiettivo.

Siamo utili, necessari alla nostra società.” La Charter Night è da sempre la ricorrenza più sentita dai soci del Club, dove l’ardore, la volontà e lo spirito etico lionistico si fondono, facendo riaffiorare i valori e le moralità di cui il club ha bisogno.

 

 

 

 






Facebook Twitter Rss