ANNO 7 n° 264
Una delegazione cinese per il rilancio del turismo nella Tuscia
Si cerca un accordo internazionale
13/09/2017 - 12:16

RONCIGLIONE - Riceviamo e pubblichiamo dall'associazione Accademia Kronos:

Continua il comune di Ronciglione ad ospitare delegazioni governative cinesi nell’ottica di un grande accordo turistico internazionale. Giorni fa guidati da Accademia Kronos e da Itacina, organizzazione italo-cinese che gestisce le delegazioni cinesi, indiane e giapponesi, interessate a sottoscrivere accordi commerciali con il nostro Paese, lunedì scorso si è tenuto a Ronciglione un incontro tra la giunta e una delegazione cinese per valutare le potenzialità della Tuscia per sostenere un grande flusso turistico orientale a partire dal prossimo anno.

Il capo delegazione Peng Lifeng ha chiesto ad Accademia Kronos un progetto turistico-culturale e naturalistico da sottoporre alle autorità del Ministero del Turismo cinese per l’approvazione. Il presidente dell’associazione, Ennio La Malfa, ha descritto una serie di prospettive turistiche interessanti, coinvolgendo decine di comuni della Tuscia, che però, secondo la delegazione cinese, debbono essere tradotte in progetti ufficiali scritti in inglese. Questo, secondo La Malfa, sarà fatto a breve.

Il sindaco di Ronciglione ha poi intrattenuto la delegazione parlando delle peculiarità storiche, turistiche ed economiche del comprensorio ronciglionese, chiedendo, se il progetto di turismo responsabile cinese dovesse partire, di nominare Ronciglione come centro gestione di tutto il turismo della Tuscia. Peng Lifeng ha dichiarato che ciò potrà essere possibile.

Alla fine è intervenuto il prof. Silvio Cipriani, noto esperto di economie green, che ha esposto un interessante progetto presentato all’Unione Europea per incentivare e sostenere economicamente le piccole e medie aziende italiane intenzionate ad entrare nell’economia circolare. Progetto questo che possono, secondo il professor Cipriani, usufruire anche le aziende cinesi, ovviamente calibrandolo nelle reali esigenze socio-economiche locali.







Facebook Twitter Rss