ANNO 9 n° 231
Ucciso con un colpo di pistola alla testa il capo ultrà della Lazio
Fabrizio Piscitelli aveva 53 anni
07/08/2019 - 23:50

ROMA - Avvicinato in un parco poco distante dalla via Appia, in via Lemonia, e poi freddato con un colpo di pistola alla testa.

Un proiettile sopra l'orecchio sinistro che non ha lasciato scampo a Fabrizio Piscitell, storico capo ultrà della Lazio e leader del gruppo degli Irriducibili.

53 anni, romano, Piscitelli era conosciuto ai più con il nome di Diabolik: è deceduto sul colpo, ucciso mentre era seduto su una panchina del Parco degli Acquedotti. L'agguato è avvenuto questo pomeriggio, intorno alle 18,45. A dare l'allarme è stato un passante: secondo quanto ricostriuto dagli inquirenti, il killer - ancora senza un nome - era a piedi, vestito da runner, per confondersi tra i tanti frequentatori del parco.

Piscitelli, il cui corpo si trova all'istituto di medicina legale di Tor Vergata, in passato aveva subito condanne e sequestri da due milioni di euro da parte della Direzione Distrettuale Antimafia. 




Facebook Twitter Rss