ANNO 8 n° 110
Tutti i segreti di Palazzo Franciosoni a Vetralla
Domenica 17 ore 15,30 sala Ss. Filippo e Giacomo, 'Anatomia di un palazzo'
16/12/2017 - 10:11

VETRALLA - Verrà presentato domani, domenica 17 dicembre alle ore 15,30 presso la sala dei Ss. Filippo e Giacomo a Vetralla, il libro: ''Anatomia di un Palazzo'' su uno dei monumenti meno conosciuti della cittadina della Tuscia viterbese: Palazzo Franciosoni. Presenti all'incontro, gli autori che proporranno un'indedita e sorprendente chiave di lettura di quello che, fino alla costruzione del duomo cittadino e del palazzo comunale, era considerato, salvo la Rocca dei Di Vico, l'edificio più importante di Vetralla. In particolare, a presentare la storia dalla casata sarà Anna Cecchini, mentre Vincenzo Guerra si occuperà degli aspetti architettonici.

E ancora, Simone Lupattelli proporrà un'approfondita descrizione dei numerosi affreschi presenti e, infine, Giuseppe Maria Costantini esporrà i risultati del restauro degli affreschi del salone nobile da lui eseguito negli anni '80 del secolo scorso.

''Il Palazzo Franciosoni è una delle testimonianze architettoniche e culturali che gli uomini, o meglio, le famiglie di questa terra (la Tuscia ndr) hanno voluto lasciare ai posteri -scrive Marco Mele, noto giornalista del Sole 24ore, nella prefazione del volume. Porta con sé, negli anni, i suoi materiali, come il peperino, e ha coinvolto nella sua costruzione, insieme a progettisti e artisti di altri territori, i mastri muratori vetrallesi insieme alle maestranze provenienti da Caprarola, dov'era in costruzione il Palazzo Farnese''.

''Tuscia terra da valorizzare e da riscoprire -continua il giornalista- come lo sono stati i dipinti del palazzo, aumentandone la superficie del 33 per cento, durante l'appassionante storia di un restauro interrotto dalla proprietà e rivisto oggi con amore, rabbia e commozione da Giuseppe Maria Costantini. Tuscia terra di misteri, magari svelati, visto che il cognome Franciosoni compare solo nel 500, e gli archivi rilevano come fosse il soprannome di Giovanni Francesco Mariotti''.

''Il merito di questo libro, e della passione con la quale hanno lavorato i suoi diversi autori, compreso chi ha corretto le bozze, -conclude Mele- è quello di voler ritrovare la memoria collettiva del luogo dove si vive, di ricostruire le proprie radici, di rifondare e rafforzare la propria identità in quanto comunità, vetrallese in questo caso''.







Facebook Twitter Rss