ANNO 8 n° 293
'Troppa grazia' vince a Cannes e mostra le bellezze della Tuscia
Il film promosso a livello internazionale
19/05/2018 - 06:48

VITERBO – (rvtn) Forse sarà anche merito della bellissima Tuscia, che fa da sfondo ad una storia che è stata definita folle e coraggiosa, se il film ''Troppa grazia'' ha vinto a Cannes il Label di Europa Cinèmas. Un premio davvero prestigioso che porterà la pellicola di Gianni Zanasi a compiere un bellissimo viaggio sui grandi schermi dei principali Stati europei. Non sarà solo il film ad essere promosso a livello internazionale, ma anche il Viterbese che nelle sue scene mostra tutta la sua bellezza.

''Troppa grazia'' infatti è stato girato quasi interamente nella Tuscia. Per 8 settimane, tra settembre e ottobre dello scorso anno, il centro storico di Viterbo si è trasformata nella location principale delle riprese che si sono concentrate a piazza della Morte, piazza del Gesù, al rettorato dell’università della Tuscia, aree esterne al PalaMalè, alla piscina comunale senza lasciare impressi nella pellicola neppure vari quartieri della città e diversi locali.

Il film di Gianni Zanasi con protagonisti Alba Rohrwacher, Elio Germano, Giuseppe Battiston e Hadas Yaron ha ricevuto l’importante premio per la ''Quinzaine des Réalisateurs'', sezione parallela alla ufficiale organizzata dalla Société des Réalisateurs de Films (Srf).

La protagonista è Laura (Alba Rohrwacher), una geometra che vive sola con la figlia e ha un rapporto altalenante con un uomo (Elio Germano). Un ambiguo funzionario (Giuseppe Battiston) le chiede di certificare delle mappe di un terreno sul quale dovrà sorgere una grande opera, ma Lucia si accorge che le carte presentano diversi errori. Ma ad un certo punto le appare la Madonna (Hadas Yaron) che le chiede di costruire una chiesa su quello stesso terreno. ''Troppa grazia'' è stato definito dalla critica ''un film davvero folle, una commedia sovrannaturale, psico-mistica, coraggiosa ma anche divertente''.






Facebook Twitter Rss