ANNO 8 n° 292
Trasformò un giocattolo in una pistola,
in aula il perito balistico forense
A casa dell’uomo ritrovate anche munizioni
e cartucce, ''da verificare che siano compatibili con l’arma''
10/10/2018 - 18:45

VALLERANO - Trasformò un giocattolo in una vera e propria pistola. Con munizioni e cartucce al seguito, sapientemente nascoste in cantina.

Per questo G.C. è finito a processo con l’accusa di detenzione abusiva di armi. Ma quella pistola avrebbe potuto uccidere e ferire qualcuno? Quelle munizioni ritrovate durante la perquisizione dai Carabinieri erano davvero compatibili con la canna dell’arma? Ci penserà l’esperto in balistica forense, il dottor Martino Farneti a dare tutte le risposte del caso.

Una perizia, la sua, che verrà depositata tra alcune settimana e che fornirà tutte le risposte necessarie ad accusa e difesa per chiarire la posizione e le eventuali responsabilità dell’uomo.

Denunciato per detenzione abusiva di armi e minacce, ora l’uomo è sotto processo e rischia una condanna penale.

Secondo l’ipotesi dell’accusa, G.C. avrebbe trasformato il giocattolo in un’arma vera e propria, apportando delle modifiche alla canna e poi si sarebbe procurato caricatori e munizioni.

Quelle stesse 51 munizioni che verranno sottoposte a perizia balistica per volere della difesa: ''Bisogna verificare se siano compatibili con la pistola ritrovata e soprattutto se siano funzionali e offensivi''. Aveva spiegato alla scorsa udienza il suo legale, l’avvocato Walter Pella.







Facebook Twitter Rss