ANNO 9 n° 235
Trapiantato a viterbese
rene di operaio romeno
morto in incidente lavoro
19/10/2013 - 15:54

VITERBO - E' stato trapiantato a un uomo di 58 anni, residente a Viterbo, uno dei due reni espiantati a un operaio romeno, morto mercoledì scorso in un incidente sul lavoro a Gualdo Tadino, in provincia di Perugia.

I familiari dell'immigrato, da anni residente in Umbria, subito dopo il decesso del loro congiunto, hanno acconsentito alla richiesta dei medici d donare i suoi organi. Lo ha reso noto oggi l'ufficio stampa dell'Azienda ospedaliera di Perugia. 

Subito dopo l'ok dei familiari, uno staff medico del policlinico di Perugia ha prelevato gli organi che, subito dopo, sono stati inviati in elicottero o in aereo, nei centri specializzati. 

Poche ore dopo, reni sono stati impiantati al viterbese e a un 44enne di San Benedetto del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. Il cuore e il fegato dell'operaio romeno invece sono stati impiantati dai chirurghi dell'Ospedale Cardarelli di Napoli a due pazienti che, senza trapianto, avrebbero avuto una prospettiva di vita brevissima.

Gli organi, una volta individuate le persone compatibili, sono stati trasportati a Napoli con un volo speciale. Nel frattempo, i due riceventi erano stati preparati e portati in sala operatoria.

Secondo quanto si è appreso, tutti gli impianti d'organo sono perfettamente riusciti e i pazienti, sebbene la prognosi si come da prassi ancora riservata, versano in discrete condizioni di salute.






Facebook Twitter Rss