ANNO 10 n° 52
Nasce l’app
No Barriere
(architettoniche)
Per segnalare le anomalie in città
02/08/2016 - 02:00

VITERBO – Scivoli inagibili. Pedane impraticabili. Ascensori non funzionanti. Più della metà delle città italiane sono un vero incubo per tutti i disabili che ogni giorno devono fare i conti con inconvenienti dovuti all’inciviltà dei propri concittadini e al disinteresse delle amministrazioni.

Viterbo non fa eccezione. La causa? Sempre la solita: parcheggi selvaggi e ostacoli imprevedibili che non lasciano alcuna libertà di circolazione a chi di limiti, purtroppo, ne ha già molti.

Ma da oggi, fortunatamente, c’è una soluzione in più. È stata lanciata dall’associazione Luca Coscioni la app ''No Barriere''. Disponibile per sistemi Ios e Android, la nuovissima applicazione permette di segnalare in tempo reale tutte le anomalie incontrate sul proprio cammino. Una macchina che impedisce di scendere lo scivolo del marciapiedi. O un ascensore fuori uso che non lascia accedere ai piani superiori di un qualsiasi edificio pubblico.

Basta scattare una foto, caricarla nell’applicazione, scrivere una breve descrizione e attivare la geolocalizzazione. Il gioco è fatto. In tempo reale la segnalazione giungerà all’associazione Luca Coscioni, che si attiverà nel denunciare la barriera architettonica al comune di riferimento. Nella speranza di una sua veloce risoluzione.

Lo scopo dell’applicazione è, infatti, quello di aiutare chi si trova di fronte ad un ostacolo e vede compromessa la propria libertà di circolazione, dal momento che ognuno ha il diritto di ''vivere libero dall’inizio alla fine''. Così come cita il motto della stessa associazione.

Tutte le segnalazioni, risolte o meno, verranno poi inserite all’interno di uno stradario, fruibile da tutti gli utenti dell’applicazione: in ogni istante, così, si potrà verificare se e dove sono presenti ostacoli architettonici.

Anche Viterbo, in tal senso, diverrà una città ''mappata''. Le vie del centro storico, gli uffici pubblici e tutti i luoghi di maggiore interesse, che non rispetteranno le normative della legge del 2006 per la tutela contro le discriminazioni, verranno segnalati dagli stessi utenti, con una goccia rossa. Sarà così più facile per gli amministratori comunali, incaricati di risolvere il problema, localizzare ed eliminare ogni tipo di difficoltà. E, nell’attesa che questo avvenga, per tutti i disabili evitare alcuni luoghi.

Una vera e propria rivoluzione 2.0 che dichiara guerra alle barriere architettoniche. Piaga sociale e vergogna umana, forse, da oggi, debellate.







Facebook Twitter Rss