ANNO 8 n° 202
Stefano Pavani resterà in carcere
La decisione dei giudici capitolini sul 31enne accusato di aver ucciso Barchi
19/06/2018 - 10:34

VITERBO – Stefano Pavani resterà in carcere. Questa la decisione dei giudici del tribunale della libertà di Roma. I magistrati capitolini hanno confermato dunque la custodia cautelare in carcere per il 31enne viterbese accusato di omicidio volontario di Daniele Barchi, il 42enne trovato cadavere il 22 maggio scorso in via Fontanella del Suffraggio, pieno centro storico di Viterbo.

Il legale Luca Paoletti, avvocato difensore di Stefano Pavani, aveva chiesto il Riesame asserendo che il suo assistito non era compatibile con il regime di custodia cautelare presso Mammagialla chiedendo per lui il trasferimento presso una casa di cura. Paoletti inoltre aveva aggiunto che ad accusare Pavani del delitto di Barchi era stata soltanto la sua fidanzata, Azzurra Cerretani di 25 anni, anche lei indagata per omicidio volontario a piede libero.

Il pm Stefano D’Arma, durante l’udienza dello scorso giovedì a Roma, ha confermato la necessità di detenere Pavani in carcere sottolineando comunque che gli inquirenti si starebbero occupando del suo trasferimento in una struttura più idonea in attesa della perizia psichiatrica che dovrà stabilire se il 31enne fosse in grado di intendere e volere durante l’omicidio.

Facebook Twitter Rss